Ricerca

» Invia una lettera

Radio Radicale non deve morire

Avarie
1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle
Loading...

24 maggio 2019

Caro direttore,

Radio Radicale tra pochi mesi sarà costretta a chiudere e lasciare senza lavoro e stipendio circa 100 persone. Si tratta di una radio libera, una voce fuori dal coro, libertaria e indipendente, senza padroni e/o patroni. Viene a mancarle il contributo statale. Infatti l’emendamento proposto da M Capitanio e altri al decreto di legge sulla crescita che chiedeva di prorogare la convenzione (oramai scaduta) di altri sei mesi, diventa inammissibile per l’opposizione di M5S: Tutti gli atri gruppi si erano dichiarati d’accordo, ma serviva l’unanimità. Si tenga ben presente che l’importo sarebbe stato inferiore a quello inserito nella precedente convenzione : 3,5 milioni per sei mesi contro i 10 milioni per un anno del passato.

Radio Radicale nacque nel 1976 e da sempre fu ed è rimasta molto vicina alle posizioni del Partito Radicale del quale condivisse lotte e proposte. E’ stata di certo la prima radio ad interessarsi integralmente di politica e di cultura.

Voglio ricordare anche che Radio Radicale da oltre un quarantennio compie un servizio pubblico trasmettendo le sedute quotidiane del Parlamento i comizi di tutti i partiti  e molti processi

La sua chiusura rimane un vulnus grave per l’informazione italiana già troppo disastrata e di parte.

Probabilmente dava fastidio a qualche partito o movimento politico la sua libertà di pensiero e di parola e la sua onestà e indipendenza

Radio Radicale non deve morire ! Attiviamoci.

I partiti che hanno votato a favore dell’emendamento Capitanio portino la questione in Parlamento.

Cordiali Saluti

Carlo Passarotti – Gallarate

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.