Ricerca

» Invia una lettera

Spero che non si arrivi allo spinello libero

cannabis canna droga spinello
1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle
Loading...

29 giugno 2020

Caro Direttore

Liberalizzazione dell’uso della cannabis, spinello libero ! Questa la proposta di M5S che, con l’appoggio sicuro del PD e di Leu, ai quali si accoderanno il partitello di Renzi e qualche gruppuscolo centrista, sicuramente sarà approvata. Secondo costoro l’uso (e l’abuso, aggiungo io !) della marijuana non fa male, anzi ! Gli scienziati (farmacologi, medici, biologi….) non ne sono assolutamente d’accordo, ma la politica deve avere, secondo Di Maio la prevalenza sulla scienza. Galileo sbagliava, il sole gira attorno alla terra, così postulava la Bibbia. Lo spinello è buono e fa bene, così la pensa Di Maio. E allora sia “spinello libero”

A tale proposito dopo aver esaminato articoli , su tale argomento, pubblicati in riviste ad elevato IF (Impact Factor), ritengo di poter trarre alcune conclusioni
A) Le malattie psicotiche si verificano con maggior frequenza in chi fa uso della marijuana

B) Per tutta la durata della vita l’uso della cannabis è associato a dipendenza con rischio 3.4 maggiore di sviluppare malattie psicotiche.

C) Chi fa uso di marijuana presenta un inizio più ravvicinato di psicosi

D) L’uso di cannabis è associato ad aumento di recidive in pazienti psicotici

E) L’uso della cannabis è più frequente in pazienti psicotici

F) Altri effetti avversi : attacchi di panico, vertigini, secchezza delle fauci, nausea, disorientamento, euforia, confusione, sedazione, aumento del ritmo cardiaco e respiro affannoso.

G) Circa un adulto che fa uso della cannabis su 10 sviluppa dipendenza, ma si hanno maggiori valori nel caso di utenti adolescenti.

H) Alcuni studi suggeriscono un aumento del rischio di tumore dei polmoni quando la marijuana venga inalata e spontaneo pneumotorace. Nascite premature, e frequenti crisi di panico.

I) Sono stati evidenziati anche COPD, respiro affannoso, tosse, catarro e apatia.

J) L’uso a lungo termine della marijuana è stato associato a disturbo periodontale,

K) L’uso cronico della cannabis può causare sindrome iperemesica.

L) Studi hanno dimostrato che molto difficilmente adolescenti che fanno uso di cannabisi riescono per tempo a ottenere un grado scolastico, inoltre più facilmente sviluppano dipendenza e tentativi di suicidio.

M) La marijuana inoltre peggiora casi di depressione, di ansia e di schizofrenia.

N) Crisi di astinenza (insonnia, nausea, vomito, allucinazioni, crisi tonico-cloniche, stato ansioso)

In alcuni paesi l’uso medico della marijuana è permesso ritenendo benefici i suoi effetti nel trattamento di dolore cronico, spasticità, fibromialgia, stress post-traumatico, apnea. Ma manca ancora una analisi completa e valida del rapporto rischio-beneficio dell’uso della marijuana . Ne consegue che saranno necessari studi approfonditi e ben congegnati per poter approvare l’uso della droga in medicina
Non è ancora tempo di “libero spinello”, spero vivamente che non ci si arrivi mai, perché sono convinto che l’uso della cannabis sia molto, ma molto pericoloso soprattutto nel caso di utenti adolescenti e giovani. Proteggiamo i nostri ragazzi dai pericoli insiti nell’uso di tale droga che, come tutte le droghe, è tutto tranne che “light”.
Cordiali Saluti

NB : Caro Direttore ritengo che anche chi dissente da una operazione elettoralistica condotta da spregiudicati e incompetenti mestieranti della politica alla ricerca di suffragi, abbia la possibilità di esprimere pubblicamente il suo dissenso documentato.
Grazie
Di Seguito un elenco molto breve di reviews sull’argomento pubblicate su Riviste Scientifiche ad alto Impact Factor
Ortiz-Medina MB, et al. ; Cannabis Consumption and Psychosis or Schizophrenia Development ; Int J Psychiiatry 2018, 64(7), 690-704
Karilla L, et al ; Acute and Long-Term Effects of Cannabis Use : A Review ; Curr Pharm Des, 2014, 20(25), 4112-8
Bergamaschi MM, et al ; Safety and Side Effects of Cannabidiol, Cannabis Sativa Constituents ; Curr Drug Saf 201,, 6(4), 237-49
Volkow ND, et al ; Adverse Health Effects of Marijuana Use, N Engl J Med 2014, 370(23), 2219-27
Ford TC, et al; Cannabis : An Overview of Its Adverese Acute anf Chronic Effects and Its Implications, Curr Drug Abuse Rev 2017, 10(1), 6-18
Amin MR, et al; Pharmacology of Medical Cannabis, Adv Exp Med Biol ,2019, 1162, 151

Dr Carlo Passarotti
Gallarate 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Felice

    Guardi Dr. Passarotti….io condivido il suo pensiero soprattutto la “minimizzazione” sugli effetti a volte nefasti nell’utilizzo giornaliero di sostanze che ad oggi consideriamo impropriamente come “droghe leggere”. In ogni caso questa normativa avrebbe lo scopo di rendere controllabile e monitorabile da parte di organismi certi un consumo che già oggi è libero e totalmente incontrollato…che porta lauti incassi alla criminalità organizzata.
    Già nelle vie della mia cittadina a volte vedo persone giovani o di mezza età che liberamente si tirano fuori una canna e se la fumano passeggiando. Senza problemi e senza che qualcuno dica o faccia qualcosa. Più libero di così…