Ricerca

» Invia una lettera

Spesa on line, missione impossibile

spesa e farmaci a domicilio
1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle
Loading...

2 aprile 2020

Carissimi tutti.

Vi scrivo perché sono molto giù di morale ma anche molto arrabbiata perché è da quando è iniziata questa pandemia che tento di fare la spesa on line visto che in casa ho due soggetti a rischio mio marito cardiopatico e mio padre asmatico.

Ho provato al Tigros e fino a martedì prossimo tutte le fasce sono occupate.
Ho provato all’Esselunga stessa cosa.
Ho provato al Carrefur stessa cosa.
Ho provato al Gigante tutto bloccato anche lì.
Stiamo facendo l’ultimo tentativo al D’Ambros ma credo che la risposta sarà la stessa di 15 giorni fa.

Quindi sarò costretta a recarmi presso il supermercato del mio comune armarsi di santa pazienza , di guanti e mascherina mettermi in coda fare la spesa con l’ansia di non portare a casa qualcosa in più che è altamente nocivo. Poi arrivo a casa dopo 3 ore  metto tutto in lavatrice disinfetto tutta la spesa e vivo con l’ansia.
Secondo voi è giusto? È il giusto servizio che deve essere fornito ai cittadini? Certo dobbiamo portare pazienza a me viene solo da piangere.

Cordiali saluti

Lara

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Felice

    Penso che sia ben poca cosa rispettto a quello che ogni giorno il personale ospedaliero è costretto a vivere.
    Basta premunirsi con mascherina. guanti, disinfettante…..stare lontano dalla persone, controllare i corridoio per verificare che non ci siano affollamenti eccessivi ed alle fine tornare a casa….disinfettarsi prima se stessi spruzzandosi in faccia un disinfettante a base alcolica, passare poi tutte le confezioni di cibo chiuse. Lasciare lì qualche tempo per far sì che il virus dopo qualche ora si sia completamente disattivato.
    E glielo dice una persone che soffre di BPCO.

  2. Scritto da Ivana Buzzi

    Buongiorno,questa signora ha perfettamente ragione,anch’io sono a rischio e invalida,è da più di un mese che non riesco a fare la spesa online, in questi supermercati,tutti gli slot sono rossi,mi rendo conto che siamo in un brutto periodo,ma dovrebbero lasciare degli orari SOLO per precedenza over 65,sembra altrettanto strano che ci riescano solo gli altri,mi devo comunque armare di pazienza e uscire a fare la spesa 1 volta a settimana e trovare anche gli scaffali vuoti,facendo fatica perchè ho problemi gravi,è una vergogna,qualcuno potrebbe fare qualcosa?Grazie.Saluti.Ivana