Ricerca

» Invia una lettera

Trenord, incubo quotidiano

1 di 1

Trenord ... incubo quotidiano
1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle
Loading...

15 novembre 2019

Gentilissimo Direttore di Varesenews,
sono una abbonata Trenord da 18 anni e Le scrivo segnalandoLe il quotidiano disagio che vivono i pendolari della linea Milano Nord Cadorna – Laveno Mombello.

Negli ultimi due mesi i treni viaggiano in entrambe le direzioni spesso con ritardi superiori ai 15 minuti, la tratta a binario unico tra Malnate e Laveno Mombello comporta l’attesa dei treni, spesso in ritardo, con cui deve avvenire l’incrocio nelle stazioni di Malnate, Varese Nord, Varese Casbeno, Barasso Comerio, Cocquio Trevisago e Cittiglio.
Qualcosa deve essere successo, forse il regolamento dei tempi di attesa durante gli incroci, ma Trenord non ha fatto nessuna comunicazione in merito.

Il personale di bordo spesso non si fa vedere, soprattutto la sera, forse timorosi dei pendolari che non ne possono più: paghiamo per un servizio che è carente, e la beffa è che per chi ha l’abbonamento “Io viaggio ovunque in Lombardia” (così tanto reclamizzato da Trenord!) non sono previsti rimborsi … a dir poco sconcertante.
E poi ci sono le porte guaste, i servizi non utilizzabili, i passaggi a livello guasti o investiti dalle auto, la caccia ai viaggiatori senza biglietto (con conseguente aggiunta di minuti di ritardo); si esce di casa prima e si torna dopo, in media viaggio mezz’ora in più al giorno rispetto a pochi anni fa.
Ora, sollecitata dal personale viaggiante che si rifiuta di rispondere alle domande sui ritardi, ho iniziato a mandare reclami ovviamente on-line, tutte le volte che il treno è in ritardo, praticamente tutte le sere.
Le risposte, esilaranti, variano dal “munirsi dell’App”, poco aggiornata, o seguire dal loro sito la “Circolazione in tempo reale” dove per la maggior parte delle volte risulta “normale”: ora mi chiedo, ma un treno che viaggia con 22 minuti di ritardo su una tratta di 67 km è “normale” ?

Trenord, simpaticamente, mi ha comunicato che “la gestione dell’infrastruttura e della circolazione sulla sua direttrice è di competenza della società RFI – Rete Ferroviaria Italiana che in relazione alla situazione contingente che si verifica dispone delle precedenze, degli incroci e di tutto ciò che riguarda la ricezione dei treni nei diversi binari a disposizione” a parte il fatto divertente che i diversi binari sono due, chissà che fatica scegliere, mi sono rivolta a loro e ho scoperto che comunque per quanto riguarda i tempi di percorrenza ci si deve rivolgere a chi gestisce il servizio … che è Trenord !

Continuo a inviare reclami, e invito tutti i pendolari a farlo tutte le volte che i treni sono in ritardo. Facciamoci sentire, in modo educato, non è possibile che nel 2019 un servizio ferroviario sia gestito così.
Grazie, buona giornata e buon lavoro
CB

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.