STEFANO MACCHI

  • Vive a VARESE VA

I miei commenti (1)

  1. Egregio Direttore,
    Vorrei ringraziare il Signor Carlo196 per la Sua precisazione. Che conferma quanto si evince dai cartelli posizionati lungo la pista ciclabile del lago, spesso scoloriti dal sole o piacevolmente consumati dalle dita degli avventori. Segno di quanta gente percorre tale pista.
    Tuttavia, lo scopo della nostra lettera voleva essere:
    1) quello di sottolineare come un’opera, una pista ciclabile, possa essere utile, apprezzata, amata e sfruttata dalla collettività, come quella sul nostro lago, oppure possa essere totalmente fuori luogo e giustamente criticata, se fatta su una strada come Via XXV Aprile. Non è giusto osannare un’opera pubblica solo perchè viene fatta. Occorre anche vedere come e dove viene realizzata, perchè potrebbe essere uno spreco di soldi.
    2) come le amministrazioni pubbliche spendono le risorse economiche (che siano sovvenzioni europee o meno). Per poi puntualmente lamentarsi che le casse sono vuote.
    Se poi vogliamo entrare nei meandri delle competenze, per mettere “a parte la polemica per la pista ciclabile di Via XXV Aprile”, allora ritengo sia un altro discorso.
    Cordiali saluti.
    Stefano

    in Pista ciclabile: a volte utile, a volte no!

    12 settembre 2018 alle 9:31

Foto dei lettori (0)

Notizie (0)

Auguri (0)

Viaggi (0)

Nascite (0)

Matrimoni (0)