Ricerca

» Invia una lettera

Ancora sui valdesi

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle
Caricando...Caricando...

3 dicembre 2009

Egregio Direttore,
vorrei segnalare alla signora SIMONA MENGHINI che il mio “trinciare giudizi” sui Valdesi deriva dalla conoscenza di loro che ho tratto dalla stampa in genere quando riporta le prese di posizione dei suoi membri riguardo temi etici che ritengo molto, ma molto lontani dagli insegnamenti di Cristo. Mi chiedo infatti come si possa essere favorevoli all’aborto, tanto per citare un esempio, e chiamarsi cristiani.
Per quanto riguarda l’ecumenismo vorrei solo far presente che i Valdesi non perdono occasione, il crocifisso ultimamente, per schierarsi sempre contro la Chiesa Cattolica.
Ora propongo una specie di quiz prendendo spunto da un episodio della vita di re Salomone:
Un giorno (a re Salomone) si presentarono da­vanti due donne per avere un giudi­zio riguardo una disputa.
Disse la pri­ma:
Vostra maestà, io e questa donna viviamo nella stessa casa. Un giorno io ho partorito un bambino e tre giorni dopo anch’ella diede alla luce un figlio. In quel periodo non c’era nessuno in casa oltre a noi due. Una notte questa donna per errore si coricò sul suo piccino e lo soffocò, allora, mentre io dormivo, ella si alzò e si prese il mio bambino, met­tendomi nel letto il suo. AI mattino, quando mi sve­gliai, trovai il bambino morto e mi disperai, ma subito mi accorsi che il piccino non era il figlio mio, bensì quello dell’altra donna.
No, no! – gridò allora l’altra madre. – Il bambino vivo è il mio, il tuo è quello morto. Ti sei sba­gliata e non c’era nessuno in ca­sa che possa testimoniare!
Le due donne continuarono a litigare così davanti al re: era la parola di una contro la parola dell’altra e il re ebbe bisogno di tutta la sua saggezza per scoprire la verità.
Alfine Salomone si fece portare una spada e disse:
Ognuna di voi sostiene che il bambino vivo è il suo e che quello morto appartiene all’altra donna. Ora taglieremo in due il bambino vivo cosi ciascuna delle due madri ne avrà una parte.
No, no! – disse la prima donna. – Piuttosto lasciate a lei il bambino, ma vi scongiuro sire, non uccidetelo.
L’altra madre invece si mostrò d’accordo con il giudizio dei re:
Va bene sire, tagliatelo in due co­me avete detto.
A quel punto Salomone non ebbe più dubbi:
Date il bambino alla prima madre: è chiaro che lo ama veramente come una madre ama il figlio suo, mentre alla seconda non importa niente della vita del piccolo!
Ecco la domanda del quiz: una delle due donne è la Chiesa Cattolica, l’altra la Chiesa Valdese, Qual’è la vera madre?
Cordiali saluti.

Carlo Colombo

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.