Ricerca

» Invia una lettera

Autotassiamoci per curarci

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle
Loading...

24 ottobre 2007

Egregio Direttore,
vorrei avanzare una proposta al fine di poter arginare l’incresciosa situazione sia del pronto soccorso, sia dei vari reparti dell’ospedale di Varese e di altri in Lombardia. Constatato ed acclarato che, il servizio sanitario in questione, non è efficiente e neanche dignitoso per chi si trova ad un certo punto della vita ad affrontare la mancanza della salute, propongo ai lombardi residenti di versare una piccola cifra alla Regione Lombardia (che gestisce la sanità) di modo che si possa assumere Dottori, ampliare spazi che non sono idonei e finalmente fare funzionare al meglio cio’ che piu’ serve. Mi chiedo se non sia un segno premonitore il fatto che la Medicina Legale e l’obitorio (ricordo che furono i primi reparti in funzione del nuovo ospedale) funzionino in maniera spettacolare in un contesto d’avanguardia e personale efficiente! Se è solo una questione di soldi, diamo 10 Euro a testa all’anno alla Regione! chiunque spenderebbe 10 Euro per evitare questa situazione penosa.
Grazie.

* * *
Gentile lettore,
raccogliamo la sua proposta, o provocazione che sia.
In quest’ultimo caso non possiamo che appoggiare il suo pensiero. Se si trattase di una proposta, però, le ricordiamo che già paghiamo le tasse per far funzionare il sistema sanitario e aumentarle potrebbe essere un’idea a patto che non si sia fatto il possibile per capire se non vi sono sprechi e disservizi.
(ac)

Lettera firmata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.