Ricerca

» Invia una lettera

Lo Stato siamo noi

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle
Caricando...Caricando...

9 agosto 2011

Buongiorno
Chi è lo stato ? Lo stato siamo noi. Ssono io piccolo imprenditore, lo sono i miei due dipendenti, lo è il mio anziano padre, lo è il mio perennemente adirato vicino di casa, lo sono gli operai e gli impiegati in cassa integrazione. lo sono i giovani neo laureati che non trovano lavoro, lo sono i piagnucolosi vecchietti seduti davanti a bar a passare la giornata a lamentarsi di tutto e di tutti.
L’ italia sono i soldati nelle missioni al estero, sono i carabinieri delle stazioni nei paesi più sperduti, sono i casellanti in autostrada, i portuali, i marittimi i ferrovieri, i superpagati piloti alitalia. sono i giornalisiti nelle redazioni dei quotidiani.
Sono i no global di Genova e i notav della val di Susa. sono gli speculatori di piazza Affari, i faccendieri, i lobbisti, i commessi di Montecitorio. Sono i giardinieri, i muratori, i poveri anziani sbattuti dai figli in case di riposo. Sono le migliaia di automobilisti che la sera in tangenziale si salterebbero in testa uno sulll’altro per arrivare a casa prima. Fanno l’Italia le persone come quello che domenica mattina mi ha tagliato la precedenza in una rotonda di Gallarate sfrecciandomi davanti a 70 all’ora salvo poi adirarsi e cercar la rissa quando gli ho strombazzato. Sono tutti i giovani che vedo la sera a Varese in piazza Montegrappa, sono i figli degli extracomunitari nati in questo nostro amato paese e che spero si integrino al 100% nella nostra società.

Ora basta esempi. Vi ho annoiati abbastanza. Ma perchè questa premessa?
Ora diventerò impopolare perchè affermerò che l’Italia va come va perchè in fin dei conti è guidata e gestita da gente come noi. Gente che magari in gioventù, quando erano studenti e militanti dei vari partiti probabilmente, anzi quasi sicuramente, erano mossi da nobili intenti, da puri ideali che sognavano di poter realizzare. Poi quando inizi a scalare la scala gerarchica, quando il potere inizia ad essere nelle tue mani succede che l’avidità o la noia ti portano a diventare qualcosa di diverso da quello che pensavi di essere da giovane. Diventi più cinico, diventi più pragmatico. Il compromesso diventa un arte, zittire la coscienza diventa una necessità. So già che ci sarà una levata di scudi contro il mio ragionamento, che verrà etichettato con una facile, e forse anche offensiva, generalizzazione. Si perchè io penso che nessuno di noi in questo paese sia un santo. Nemmeno quelli che poi la chiesa ha santificato pensavano di esserelo… Quello che voglio dire, molto crudamente, è che noi tutti, popolo che critica e contesta ogni goccia di sangue, non sapremmo fare niente di meglio o niente di diverso una volta messi sul seggio del potere. No? ed allora perchè in Italia truffe di ogni genere imperversano trasversalmente in ogni settore della società? nessuno ha mai sentito parlare di quello che per un piccolo tamponamento si fa riverniciare tutta l’automobile, si ma poi tutti bravi a lamentarsi che le polizze rc in italia sono le più care d’europa? ma guarda un po che strano! chissà come mai!? Se io trovo un bel portafoglio rigonfio davanti casa, in uno slancio di onestà e senso civico lo prendo e lo riconsegno al proprietario se non alla pubblica autorità. Oggi. E se domani ne trovo un altro? e se ne trovo anche dopo domani e così via? Secondo voi perchè fu coniato il detto "l’occasione fa l’uomo ladro?" l’ispirazione di un poeta? no, non credo proprio. Descrive quello che siamo. I politici non sono altro che questo. Sono la prappresentazione di noi popolo! Sono italiani messi nel posto giusto al momento giusto. Condanniamo e critichiamo gli attuali, abbiamo fatto lo stesso con la precedente classe. Pensate forse che la classe politica futura, figlia dei nostri tempi, sarà migliore? Certo io lo spero così come credo lo auspicano tutti. Ma la speranza è una cosa, la realtà è un altra. Gesù era un genio, conosceva bene l’uomo, lui si che era una mente super brillante e super lungimirante "colui che è senza peccato scagli la prima pietra" Forse però non aveva considerato due piccoli dettagli riguardo al uomo: la sfacciataggine e l’ipocrisia.
Difatti fu una sassaiola per i seguenti 2000 anni.
W l’italia, W il tricolore.

Maxb.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.