Pedali di tutto il mondo, unitevi a Varese

L'Uci ha diramato i posti disponibili per le varie federazioni che parteciperanno ai Mondiali. Accanto ai colossi della bici anche molti carneadi. Stupisce l'Iran, nazione guida della spedizione asiatica

Si chiama "mondiale" e non è certo un’esagerazione. La federazione internazionale del ciclismo (Uci) ha appena reso note le nazionali che potranno presentarsi ai nastri di partenza di Varese 2008 nelle categorie maschili elite e under 23. E non mancano le sorprese, andando a leggere l’elenco delle squadre grandi o piccole che vedremo sfilare sul circuito tra Montello e Ronchi.
Sono ben 49 i Paesi dei cinque continenti accreditati a portare a Varese almeno un atleta nella corsa più importante. Il criterio di selezione fa riferimento alle classifiche internazionali (il famigerato Pro Tour) e a quelle dei circuiti continentali, sempre gestiti dall’Uci. Graduatorie che, giustamente, si pesano (l’Europa ha un maggior numero di posti) ma che lasciano possibilità un po’ a tutte le nazioni con qualche velleità a pedali.
Dieci gli squadroni che possono convocare fino a 14 corridori, schierandone 9 nella gara in linea (10 per l’Italia che ha il campione uscente Paolo Bettini) e 2 in quella a cronometro: si tratta oltre che degli azzurri di Spagna, Belgio, Germania, Lussemburgo, Australia Francia, Svizzera, Russia e Olanda.
Ma è indagando sulle liste regionali che si svelano i particolari più curiosi e per certi versi interessanti. Alzi la mano per esempio chi sapeva che l’Iran domina la classifica asiatica (foto in alto Hossein Askari, 72° e ultimo tra gli arrivati al Mondiale di Stoccarda) tanto da conquistare ben sei posti nella corsa del 28 settembre.
Se a ciò aggiungiamo i tre atleti schierabili dall’Uzbekistan e vediamo che la Cina pigliatutto delle Olimpiadi non avrà rappresentanti, lo stupore aumenta ancor di più (foto a lato il nipponico Fumiyuky Beppu). Il lungo elenco di selezioni si chiude con otto Paesi che si potranno affidare a un unico portacolori: Marocco, Cuba, Costa Rica, Ecuador, Messico, Uruguay, Bielorussia, Lituania.

Analoga la situazione per gli under 23 (la gara femminile è invece aperta a tutte le federazioni che ne faranno richiesta). Tra i giovani il limite massimo di atleti è di cinque per squadra e qui il gruppo è ancor più variopinto rispetto ai professionisti. Accanto alle grandi squadre ritroviamo l’Iran con cinque uomini, ma anche squadre come Algeria, Moldavia, Emirati Arabi, Israele, Eritrea e Corea fino alle microdelegazioni di Estonia, Lussemburgo ed El Salvador.
Ovviamente non è detto che tutte le federazioni raggiungeranno il massimo possibile di atleti al momento delle convocazioni, ma di certo non si potrà dire che Varese non sarà un palcoscenico universale.

L’elenco dei possibili partenti nella prova in linea elite maschile
10 titolari: Italia.
9: Spagna, Belgio, Germania, Lussemburgo, Australia Francia, Svizzera, Russia, Olanda.
6: Sudafrica, Usa, Venezuela, Iran, Slovenia, Polonia, Ucraina, Gran Bretagna, Portogallo, Danimarca.
3: Tunisia, Argentina, Colombia, Canada, Giappone, Uzbekistan, Austria, Svezia, Croazia, Irlanda, Ungheria, Bulgaria, Slovacchia, Lettonia, Serbia, Estonia, Nuova Zelanda, Repubblica Ceca, Finlandia, Norvegia, Kazakistan.
1: Marocco, Cuba, Costa Rica, Ecuador, Messico, Uruguay, Bielorussia, Lituania.

L’elenco dei possibili partenti nella prova in linea under 23 maschile
5 titolari: Francia, Russia, Italia, Olanda, Germania, Belgio, Danimarca, Gran Bretagna, Ucraina, Slovenia, Polonia, Lituania, Portogallo, Irlanda, Svizzera, Sudafrica, Usa, Colombia, Canada, Iran, Australia.
4: Austria, Moldavia, Croazia, Norvegia, Serbia, Algeria, Venezuela, Cuba, Brasile, Uzbekistan, Emirati Arabi Uniti.
3: Lettonia, Spagna, Israele, Albania, Romania, Svezia, Tunisia, Eritrea, Argentina, Costa Rica, Ecuador, Corea del Sud, Kazakistan, Nuova Zelanda.
1: Estonia, Lussemburgo, El Salvador.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 22 agosto 2008
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore