“La buona Polizia locale non fa solo repressione”

Appuntamento al Museo del Tessile il 4 marzo per un convegno organizzato dal sindacato Csa per parlare di un modello integrato di sicurezza che vada oltre gli stereotipi

csa angiolino liguori domenico godano

Si intitola “La buona polizia locale – Un modello integrato di sicurezza” il convegno organizzato dal sindaco Csa della provincia di Varese e Altomilanese e sarà un momento di riflessione per agenti, comandanti e amministratori pubblici sulla funzione della polizia locale.

L’appuntamento è stato presentato questa mattina, venerdì, nella sede di via Matteotti del sindacato alla presenza del segretario provinciale Domenico Godano, del membro della segreteria Angiolino Liguori e dell’agente di polizia locale Gianluca Risi, ideatore di questa iniziativa che si terrà venerdì 4 marzo nella sala conferenze del Museo del Tessile.

« In questo appuntamento si affrontano temi poco trattati, generalmente, tra gli operatori di polizia locale. Occuparsi di sicurezza integrata significa due cose: la sola repressione non funziona, serve creare un sistema resiliente. E’ necessario puntare su previsione e prevenzione, in particolare nell’ambito della protezione civile. Sistema resiliente: a livello territoriale creare condizioni per cui ci sia resistenza ad un evento esterno, dal punto di vista sociale è la società che deve reagire ad un determinato reato.

Il convegno – prosegue Risi – punta a mettere qualche seme negli operatori per far capire che bisogna cambiare il modo di lavorare. Serve una visione integrata delle funzioni della polizia locale che passi dal livello organizzativo a quello operativo.
Una rivoluzione non solo terminologica ma concreta perchè oggi l’agente non è più il vigile di una volta che osserva e segnala ma parte attiva che interviene se si sta consumando un reato.

Sottolinea Angiolino Liguori: «Ringraziamo il comandante Vegetti  che si è dimostrato disponibile ad organizzare questa iniziativa. Questa è la logica del Csa: non vogliamo un rapporto conflittuale con le istituzioni ma propositivo». Più duro il segretario provinciale Godano: «Naturalmente non ci tiriamo indietro quando c’è da lottare e confermiamo che il 12 maggio ci sarà uno sciopero della Polizia Locale per sottolineare che a questa categoria si chiedono sempre più responsabilità ma non si garantiscono adeguamenti contrattuali. Neppure i sindaci, che li vogliono sempre al loro fianco, alzano un dito in difesa degli agenti e dei dipendenti comunali in generale che, nonostante tutto, fanno andare avanti la macchina comunale».

di orlando.mastrillo@varesenews.it
Pubblicato il 26 febbraio 2016
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore