Nemmeno il coonavirus ferma la creatività degli studenti del Facchinetti

Pur nel rispetto delle regole, i ragazzi hanno progettato una app destinata a persone con disabilità motorie per controllare ambienti connessi. Il progetto in finale al concorso Letsapp "Solve for Tomorrow"

Nemmeno la chiusura della scuola a causa dell’emergenza sanitaria ha fermato gli studenti dell’Isis Facchinetti.
Durante il lockdown, nonostante le aule chiuse e le lezioni digitali, i ragazzi, diretti dal professor Loris Pagani, non si sono fermati un momento e hanno proseguito i progetti del laboratorio di Robotica chiamato “A.U.R.A.T.” sfruttando le competenze acquisite hanno realizzato alcuni lavori partendo dal tema della disabilità e della tecnologia.

L’ultimo risultato conseguito dai ragazzi è l’accesso alla finale Letsapp “Solve for Tomorrow in cui gli veniva chiesto di progettare app per smartphone di carattere sociale.
I partecipanti sono stati 538 scuole e relativi  progetti da tutta Italia. La prima selezione ne ha scelti 9 che si sono poi confrontati con un video di presentazione da cui sono stati selezionati 3 progetti che entro la prima settimana di Giugno si sfideranno per stilare la classifica finale.

Gli studenti del Facchinetti hanno ideato “Space Able”, una app che permette a persone con disabilità motorie di controllare ambienti connessi, come una casa domotica o un ufficio, usando come controller il movimento della testa o dei propri occhi. Il progetto ha lo scopo di permettere ai disabili la gestione di una casa domotica attraverso lo smartphone, un grande contributo a questo progetto è stato dato dall’alunno Hasani Xherito come consulente ci ha permesso di comprendere alcune problematiche relative alla disabilità e ha testato i progetti. Il team Aurat ha prodotto altri progetti sul tema della disabilità che sono attualmente in concorso, vi terremo informati.

I ragazzi che hanno partecipato a questo Progetto sono: Dario Toaiari, Veronica Viceconti, Giovanni Biaggio, Luca Pedrotti, Hossain Zahid Guidati dai docenti Loris Pagani e Valentina Corbetta
e supportati dall’intero “Team Aurat”

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 19 maggio 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore