Spaccia ai domiciliari, arrestato 31enne a Porto Ceresio

La droga era divisa in 31 involucri di cellophane e due panetti, oltre che vario materiale specifico per il confezionamento delle dosi destinate alla vendita

carabinieri varese

Era ai domiciliari, ma in casa si teneva oltre un chilo di erba. Così i carabinieri di Varese l’hanno arrestato a Porto Ceresio oper detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

Nei guai un 31 italiano sorpreso nell’ambito di un predisposto servizio finalizzato alla prevenzione e repressione del traffico di sostanze stupefacenti.

La droga era divisa in 31 involucri di cellophane e due panetti, oltre che vario materiale specifico per il confezionamento delle dosi destinate alla vendita.

Il tutto è stato sequestrato in attesa di ulteriori accertamenti sulla sostanza. L’uomo, invece, è stato immediatamente arrestato per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti e, una volta espletate le formalità di rito, tradotto presso la casa circondariale di Varese. Sottoposto a direttissima in data 20 maggio 2022, il Giudice, oltre a convalidare l’arresto, ha applicato all’uomo la misura della custodia cautelare in carcere.

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 21 Maggio 2022
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.