Ricerca

» Invia una lettera

Abbiamo diritto di essere curati?

pronto soccorso ospedale circolo varese
1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle
Loading...

13 Aprile 2021

Egregio Direttore,

le vorrei esprimere il mio disappunto dopo aver passato qualche ora in Pronto Soccorso presso l’ospedale Di Circolo di Varese.
Siamo state consigliate da un solerte medico di base che per due volte ha visitato mia figlia e valutato una terapia, ed in seguito ha ravvisato l’opportunità di andare in ospedale.
Mia figlia dopo l’accettazione è stata sottoposta ai prelievi preliminari, che si sono svolti con estrema
rapidità, e ci hanno dato la falsa illusione di poter ricevere cure immediate.

La realtà è stata un’altra: lei, con dolori collegabili a colica renale è stata tre ore seduta su una sedia, in una stanza gelida, in attesa di essere visitata, circondata da persone che, come lei e anche peggio, attendevano il loro turno da cinque o sei ore.
Quando le hanno riferito che avrebbe dovuto aspettare ancora almeno cinque ore era già allo stremo delle forze, e ha deciso di andarsene.

Come si può stare tranquilli sapendo che quando si sta male non si può contare su un’assistenza
ospedaliera?
Tempi così dilatati fanno rinunciare alle cure a cui avremmo diritto, sentendoci disarmati e impotenti.
Per inciso, questa situazione non succede solo in questo periodo così complicato; abbiamo avuto la sfortuna di andare nello stesso PS anche un paio d’anni fa e i tempi di attesa erano i medesimi.

Come possiamo ricevere con rapidità le cure di cui abbiamo bisogno e diritto?
L’emergenza di un Pronto Soccorso dovrebbe avere medici ed infermieri in numero sufficiente a fronteggiare le urgenze che si presentano, non scoraggiare le persone malcapitate a tornare a casa o a cercare soluzioni alternative!

Non credo di essere né la prima né l’ultima ad esprimere lo sconforto e la rabbia da cui veniamo assaliti in queste situazioni di frustrazione, ma non possiamo accettare sempre e solo in silenzio.

La ringrazio per l’attenzione,
Cordiali saluti.

Paola Buraschi

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.