Ricerca

» Invia una lettera

Varese, un aumento dell’Imu che mi fa indignare

varese torre civica ritoccata
1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle
Loading...

15 maggio 2020

Egregio Direttore,

mi pregio scriverLe queste poche righe per manifestare la mia più alta indignazione verso l’ultima, almeno a me nota, decisione del nostro Sindaco.
Per l’anno 2020 il comune di Varese ha alzato le aliquote IMU del 55% sulle seconde di case concesse in locazione a canone concordato, passando dallo 0,45% allo 0,70%.

Parlo per me, ma credo ci siano altri nella mia situazione: ho un appartamento dato in locazione al proprietario di una pizzeria che, dato il noto e generalizzato momento di crisi, ha chiuso dallo scorso mese di febbraio e quindi non lavora e non guadagna.

Per aiutarlo mi sono messo una mano sul cuore sospendendogli il pagamento dell’affitto e l’altra sul portafoglio anticipandogli le spese condominiali. Invece il Sindaco le mani le tiene in tasca; anzi no, peggio: le mette nelle mie tasche, alzando le imposte!
Credo che solo la Venere di Milo potrebbe tributagli un applauso per questa iniziativa.

La ringrazio anticipatamente per l’eventuale spazio concessomi.

Distinti Saluti
Massimo Camponeschi

 

LA RISPOSTA DEL COMUNE DI VARESE

La legge di Stabilità 2020 ha sostituito IMU e TASI accorpandole nella NUOVA IMU, che unisce i due vecchi tributi, accorpandoli.

Le Amministrazioni Comunali saranno chiamate entro il prossimo 31 luglio a deliberare le aliquote vigenti per questo nuovo tributo locale dal 1/1/2020.

Nel frattempo, i contribuenti sono chiamati a versare un importo pari al 50% della somma di entrambe le imposte (IMU e TASI) versate nel 2019.

Non si tratta perciò di un aumento, ma della somma dei due tributi, cosi come definiti dalla legge di stabilità. Nello specifico, le aliquote vigenti nel 2019 per gli immobili locati a canone concordato erano 0,45 per mille di IMU e 0,25 per mille di TASI. Ecco spiegata l’aliquota 0,70 per mille ritenuta dal lettore un incremento. Non si tratta però di un vero incremento, ma semplicemente della somma matematica dei due tributi, che ora vengono pagati insieme.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Domenico Pietro

    C’è un particolare però, che prima il 30% della ta.si. (servizi indivisibili, come luce strade, asfalti ecc) veniva pagata dall’inquilino. Adesso caricata tutta al proprietario.