Il 2014 sulle strade: “Meno incidenti ma più feriti e investiti”

I dati della Polizia Locale fotografano una città in cui gli automobilisti stanno diventando più attenti e collaborativi. Rimangono comunque quasi 27.000 multe e 128 patenti ritirate. Raddoppiano i casi di pedoni investiti

Il 2014 è stato l’anno dei grandi cambiamenti per la viabilità di Busto Arsizio. L’anno in cui la viabilità di molti quartieri è stata rivoluzionata, in cui sono stati portati a termine numerosi interventi e in cui è stato adottato il nuovo regolamento di Polizia Locale. Ma a fronte di tutti questi cambiamenti, alcuni dei quali mal digeriti dai bustocchi, c’è un dato che fa tirare un sospiro di sollievo all’assessore Claudio Fantinati. «Gli incidenti sono diminuiti del 7% -spiega tenendo tra le mani il report 2014 della Polizia Locale- con un calo del 18% nei casi di frontali o laterali». Un successo che il responsabile della viabilità cittadina motiva come anche frutto «di quegli interventi che abbiamo realizzato per rendere più sicure le strade». L’assessore ricorda anche come «abbiamo cambiato già metà dei semafori in città realizzando delle onde verdi sul Viale della Gloria e Corso Italia» mentre «sono stati più di 6.000 i giovani che hanno preso parte alle lezioni di educazione stradale».

Ma il 2014 è stato anche l’anno in cui «sempre più cittadini hanno compreso che noi non siamo qui per fare sanzioni ma per aumentare la loro sicurezza» e a riprova ci sarebbero le oltre 18.000 telefonate arrivate al centralino del Comando. Ma questo non basta. «Spesso le segnalazioni sono arrivate agli agenti impegnate nel servizio di prossimità nei quartieri -spiega Vegetti- e proprio per questo stiamo investendo sempre di più in questo servizio». 

Naturalmente però le multe non sono mancate. Nel corso dell’anno i 50 agenti in forza al comando della città hanno elevato 26.817 sanzioni, decurtato 19.222 punti e ritirato 128 patenti. A fare la parte del leone sono le soste irregolari (oltre 6.000) mentre sono in costante aumento le irregolarità per auto non revisionate o senza assicurazione. Ma se da un lato si segna un aumento di un migliaio di sanzioni,dall’altro i ricorsi a Prefetto o Giudice di Pace sono decisamente calati. Le strade della città sono quindi complessivamente più sicure «dal momento che quando 4 anni fa ho iniziato il mio incarico -ricorda Vegetti- gli incidenti erano sopra quota 700 mentre ora siamo a 529». In ogni caso questa tendenza cela alcuni dati preoccupanti: rispetto al 2013 sono aumentati gli incidenti stradali con feriti e sono più che raddoppiati gli investimenti di pedoni (da 24 a 50). «Il nostro centro studi -conclude il Comandante- è costantemente al lavoro per esaminare ogni criticità e i primi interventi per quest’anno sono già stati predisposti». 

Domani, martedì, la Polizia Locale festeggerà il suo Santo Patrono: si tratta di San Sebastiano Martire, condannato al supplizio delle frecce e ricordato in data 20 gennaio, giorno della sepoltura nella catacomba sulla quale è stata costruita una delle sette principali chiese di Roma, la Basilica di San Sebastiano.  La cerimonia avrà luogo domani presso la Chiesa SS. Apostoli Pietro e Paolo (p.zza Don Paolo Cairoli) alle ore 18.00.  Dopo la Santa Messa, Don Maurizio Bianchi benedirà i veicoli del Corpo Polizia Locale e a seguire il Comandante Claudio Vegetti presenterà gli agenti alla Cittadinanza e alle Autorità, rappresentate per l’occasione dal primo cittadino Gigi Farioli e dall’assessore Claudio Fantinati.

 

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 19 gennaio 2015
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.