Ricerca

» Invia una lettera

Lavoro di Cittadinanza non già Reddito di Cittadinanza

lavoro generiche
1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle
Loading...

21 aprile 2017

Premesso che la povertà essenzialmente e generata dalla mancanza di lavoro retribuito e che il maggior tasso di disoccupazione in un Paese e determinato da dei turn over pari a zero della sua fabbrica più importante: lo Stato, sono contrario a un Reddito di Cittadinanza che sembra apparire da un lato carità di Stato e dall’altro un ennesimo onere da parte degli onesti contribuenti senza nulla in cambio.
Sono pero favorevole a un Lavoro di Cittadinanza e più precisamente:

Dedicato ai giovani italiani dai 16 anni fino a trenta anni.

Determinare una cifra che potrebbero essere pari ai 500 euro mensili proposto per il Reddito di Cittadinanza.

Determinare la corrispondenza di ore lavorative mensili per questa cifra seconda la qualifica (operaio, infermiere, geometra, estetista, medico, avvocato etc.)

Impiegare nella Pubblica Amministrazione in tutti i suoi settori (sanità, scuola, trasporti, giustizia, Comuni, case di riposo…) esattamente ed esclusivamente per il numero di ore corrispondente a quella qualifica.

I giovani farebbero esperienza e Curricula esattamente nel loro settore.

Il contribuente spenderebbe gli stessi soldi ma avrebbe in ritorno una maggior qualità di servizi.

In una famiglia con disoccupati ci sarebbe una maggior entrata economica che muoverebbe di più l’economia (minimo 500 euro in più il mese!).

Non sarebbero esclusi giovani disoccupati il cui Reddito ISEE (dei genitori) e superiore ad una certa cifra. Invece il Reddito di Cittadinaza li esclude! Finalmente sarebbero trattati come singole persone con gli stessi diritti e doveri.

Questo lavoro non da maggior diritto in caso di concorso pubblico

Chi rifiuta questo lavoro perde alcuni diritti: es. il Servizio Sanitario gratuito.

Creare una linea diretta contro gli abusi dell’Amministrazione (richiesta di maggiori ore o di lavori non pertinenti alla qualifica) con possibilità d’intervento diretto e immediato per risolvere l’abuso.

So che questa proposta non avrà seguito: sono “un cane sciolto’ e non appartengo a nessun partito o movimento e non voglio appartenervi ma ho passione e amore per il mio Paese (e non questo Paese come dicono i politici) e per i nostri figli.
Il mio unico desiderio e che se ne parli. Almeno sognare non e ancora proibito o intruppato.

ps: potrei anche suggerire come reperire le risorse economiche per portare a termine questo progetto

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.