Ricerca

» Invia una lettera

Urina e traffico. Il degrado è diffuso in tutto il centro

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle
Caricando...Caricando...

23 aprile 2007

Caro Direttore,

leggo senza stupore la nota “a margine” di bak2 sul degrado di piazza Monte Grappa.
Senza stupore, dicevo, perché quello di piazza Monte Grappa è solo uno degli indicatori di un degrado diffuso di tutto il centro cittadino. Provate a passeggiare per alcune strade, per esempio intorno a corso Matteotti o in via Dazio Vecchio o intorno a San Vittore: il tanfo di urina vi schiaffeggia le narici.
A questo si aggiunga che non esiste più zona pedonale: quei pochi metri del corso e delle strade vicine sono perennemente utilizzate da macchine che, quasi tutte, esibiscono il contrassegno dei diversamente abili.
I parcheggi sono sempre più “selvaggi” e spesso impediscono il semplice accesso al marciapiede. La pulizia delle strade è spesso trascurata (almeno è questa la percezione comune).
E quindi? Perché stupirsi?
Dovrebbero stupirsi i sostenitori di quei partiti e di quelle giunte che hanno amministrato e amministrano la città in nome della legalità. Chi ricorda più le roboanti battaglie per punire chi buttava le “cicche” di sigaretta per strada o l’estetica campagna per le tovaglie dei bar del centro?
Ma dovrebbero stupirsi anche i sostenitori dei partiti di opposizione: è stata fatta mai qualche battaglia politica (dentro e fuori dell’aula consiliare) per denunciare il degrado in corso? Qualcuno ha mai chiesto al Comune di fornire i dati circa la distribuzione – si direbbe generosa – dei permessi per circolare selvaggiamente in centro?
Il degrado urbano è specchio, evidentemente, di un degrado generale, culturale e civile.
Cogliamo il lato positivo della faccenda: quando qualcuno parla di Varese come di una “Città giardino” sta sicuramente facendo una battuta.
Cordialmente.

Enzo R. Laforgia

Enzo R. Laforgia

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.