Ricerca

» Invia una lettera

Vi auguro un Natale di profonda pace

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle
Loading...

30 novembre 2012

Pubblichiamo la nuova lettera dalla Colombia di padre Franco Nascimbene, malnatese di nascita, missionario per vocazione. Da Tumaco, nel sud-ovest di uno dei paesi più violenti del Sud America, racconta ai suoi amici sparsi in tutta Italia come la comunità si avvicina al Natale

Cari amici,

anche qui é arrivato il consumismo e da qualche settimana tutto sta parlando di Natale, o meglio delle spese di Natale. I negozi sono pieni di cose da comprare, la gente é angustiata per trovare soldi da spendere, radio e televisione ci mettono musiche natalizie.

Nel passato mese abbiamo avuto un momento un po’ difficile nel nostro quartiere. Un ragazzo di 15 anni, armato di pistola ha cominciato a minacciare i giovani che partecipano nel nostro centro giovanile, dicendo loro di andarsene dal quartiere se non volevano la morte,accusandoli di essere informatori segreti della polizia, contro i gruppi armati del quartiere. Alcuni giovani se ne sono andati a vivere in altre città, altri hanno smesso di partecipare al centro, abbiamo sospeso per un periodo tutte le attività serali. Poi abbiamo deciso di aprire il dialogo con chi ci minacciava ed abbiamo preparato una lettera per il capo del gruppo armato della zona. Io sono andato a consegnarla a casa sua. Dopo qualche giorno è venuto a visitarmi e mi ha detto che lui non c’entrava con quella faccenda (cosa di cui dubito) e che avrebbe sistemato le cose. Gli chiesi di sistemare le cose senza uccidere nessuno e me l’ha assicurato. Dopo un po’ di giorni le cose si sono calmate ma un giorno è tornato a visitarmi chiedendomi soldi per una…urgenza. Gli ho detto che alla gente armata non abbiamo l’abitudine di regalare né prestare soldi. Se ne è andato un po’ arrabbiato però credo che ha capito e non è venuto più a scocciare.

In ottobre gli animatori delle comunità di adulti hanno organizzato un pomeriggio di missione, visitando tutte le famiglie della strada e del ponte numero 2 invitandole ad un incontro serale in vista di formare una comunità nuova. E così è nata la settima comunità di adulti del quartiere, che si è battezzata con il nome di “Fede e speranza”, si è già riunita tutti i martedì per 7 settimane, ha eletto i suoi animatori e ha iniziato a formare un piccolo fondo comunitario. Adesso si sta preparando al Natale abbellendo la loro strada pitturando a colori vivi i pilastri della luce, le pietre più grandi della strada e appendendo tra una casa e l’altra decorazioni di plastica  fatte in casa: alberelli, stelle, facce sorridenti, candeline…

Per il pomeriggio dell’8 dicembre abbiamo previsto un pomeriggio di lavoro per tutti gli animatori per preparare il materiale per la novena di Natale: testi biblici,fatti della vita reale,domande,canti,momenti di allegria da vivere in ogni serata nelle varie novene che ogni comunitá sta preparando nel settore dove vive.

Nei mesi di settembre ed ottobre il municipio ha finalmente pavimentato la strada principale del quartiere che prima era di pietre e polvere.

Esteticamente é migliorata molto e nelle casa è diminuita  molto la polvere che entra dalle finestre.

In queste ultime settimane il quartiere è abbastanza tranquillo e si respira in tutta Colombia un profumo di speranza perché da qualche settimana sono iniziati in Cuba dei dialoghi di pace tra il governo nazionale ed il gruppo armato più grande e più antico della Colombia.

Non si sa ancora se riusciranno a mettersi d’accordo però era da quasi 10 anni che non si sedevano a parlare di pace e speriamo che il 2013 possa essere l’anno di una firma di un trattato di pace.

Con questa speranza dentro, ci avviciniamo al Natale. A voi tutti auguro, come a tutti i Colombiani, che la nascita del principe della Pace che celebreremo il 25 sia per tutti un’occasione per scoprire, costruire e vivere una più profonda pace nella nostra vita e con i nostri famigliari e vicini

Buon Natale

Padre Franco Nascimbene

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.