Cos’è per te l’artigiano?

8 settembre 2015

Stampa 3D, schede open sourcesoftware per la progettazione e nuovi materiali sono entrati da tempo nel laboratorio dell’artigiano, già proiettato in un presente che gli altri si ostinano a chiamare futuro. Questa video inchiesta di Confartigianato Imprese Varese sulla figura dell’artigiano è interessante perché svela quanto il processo di cambiamento imposto dal passaggio dall’analogico al digitale inizia a farsi largo nell’immaginario collettivo che oscilla tra due estremi: un vetero-romanticismo produttivo e una manifattura 4.0 destinata a finire in mano ai cyborg. In mezzo c’è la quotidianità di molti artigiani che hanno iniziato a trasformare con abilità e pazienza la loro creatività e il loro sapere in bit.

L’economia ha dunque imposto nuovi paradigmi e gli imprenditori, soprattutto i piccoli e i micro, hanno dovuto accelerare la loro trasformazione. Ciò nonostante buona parte delle persone intervistate continua ad attingere alla memoria e agli archetipi che hanno fatto dell’artigiano una sorta di figura immanente della società e quindi irrinunciabile, qualunque cosa succeda.

Confartigianato Imprese Varese per i festeggiamenti dei suoi primi 70 anni (l’Associazione nasce l’8 agosto 1945) ha così deciso di chiedere “all’uomo della strada” che cos’è l’artigiano oggi. Il risultato è davvero sorprendente.

L’IMPRESA DELLE MERAVIGLIE

CONFARTIGIANATO IMPRESE VARESE

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Roberto Colombo
    Scritto da Roberto Colombo

    un videodocumentario che mi pare buona sintesi della realtà.
    mi ha fatto sorridere la signora, tra le prime intervistate, che si lamentava della poca voglia di faticare: queste frasi dovrebbero dirle coloro i quali fanno quotidianamente lavori che implicano fatica fisica, altrimenti lasciano il tempo che trovano.