I grandi fotografi si incontrano a Castellanza

L'Archivio Fotografico Italiano, con sede espositiva a Villa Pomini, è molto apprezzato in Francia dove presto sarà in mostra con i suoi migliori interpreti. A settembre una mostra anche a Busto Arsizio

A Castellanza c’è una realtà che pochi conoscono qui ma che è molto conosciuta all’estero. E’ l’Archivio Fotografico Italiano, con sede nella biblioteca comunale e con uno spazio espositivo a Villa Pomini. Una realtà in crescita che annovera tra i suoi fotografi nomi sconosciuti ai più ma che ci regalano, spesso, le immagini più significative e ricche di umanità che spesso troviamo nei libri o sui quotidiani. Lo sanno bene in Francia dobe l’AFI è molto apprezzato e spesso ospite d’onore di importanti esposizioni fotografiche. Una realtà locale che ha saputo farsi conoscere nel mondo, senza clamore, tramite le immagini.

Galleria fotografica

Archivio fotografico italiano 4 di 10

Immediatamente dopo la trasferta ad Arles, l’Archivio Fotografico Italiano ha ricevuto un invito a partecipare ad una importante manifestazione francese, organizzata a Fleurance (Gascogne) da un rinomato gruppo fotografico, che festeggerà il 60° anniversario con un’apprezzabile iniziativa, che prevede conferenze, approfondimenti tematici, varie mostre e passaggi televisivi con interviste su Antenne 2 e Fr3. La manifestazione si terrà dall’8 al 14 settembre 2008, e l’Archivio sarà presentato come ospite d’onore, con una serie di interviste sulle attività che organizza, sulla filosofia, le finalità e sugli autori della collezione, in crescendo.

Una bella opportunità che darà inizio a nuove collaborazioni culturali a livello europeo, avviate con esito positivo ad Arles, nel corso dei Rencontres, soprattutto in Francia. L’AFI proporrà il lavoro di 5 autori della collezione, oltre ad una serie di immagini storiche realizzate tra fine ‘800 e inizio ‘900, da poco acquisite, provenienti da una collezione privata. Gli autori che rappresenteranno l’Archivio sono
Nino Leto, con una serie di immagini di reportage giornalistico realizzate in luoghi di guerra e pubblicate sulle più importanti testate italiane e straniere. Virgilio Carnisio, con una sequenza di immagini di Milano scattate negli anni ’60, pubblicate su importanti libri e monografie dedicate all’autore. Claudio Argentiero, presenterà una serie di immagini inedite di paesaggio, scattate con pellicola infrarosso in b/n e stampate manualmente dall’autore su carte ai sali d’argento sul tema della natura espressa attraverso la luce. Cristiano Fabris, esibirà una raccolta di immagini dal titolo White, estrapolate da un più ampio lavoro di ricerca.  Umberto Armiraglio, ha da poco ultimato una serie di opere frutto di sperimentazioni personali, dedicate alla Camargue. L’A.F.I. presenterà anche una sezione dedicata ai volti dell’800: una nuova e inedita serie di fotografie d’epoca, da poco acquisite dall’archivio, che catturano per il fascino dei soggetti, dei loro abiti e delle capigliature.

L’attività dell’A.F.I. continuerà a settembre con la mostra di Claudio Argentiero e Umberto Armiraglio a Vercelli con la mostra intitolata Genti di terre d’Acqua dal 12 al 15 settembre nelle ex Scuderie della Cascina Boraso.

Dal 18 settembre , invece, tornerà ad essere Castellanza il centro delle iniziative con la mostra "Il patrimonio Europeo nel territorio Lombardo – La fotografia interprete e memoria dell’arte e del paesaggio" che si terrà nella sede espositiva dell’A.F.I a Villa Pomini dal 18 al 28 settembre, inaugurazione giovedì 18 settembre 2008 – ore 21,15. A seguire proiezione e presentazione in anteprima del libro: Natura e civiltà nella provincia dei Laghi   dei fotografi Luigi Meroni e Sergio Luzzini. Le ampie sale di villa Pomini, ospiteranno il lavoro di 15 fotografi, che con il proprio sguardo hanno interpretato luoghi di particolare interesse in Lombardia, aderendo ad una proposta ideata dall’AFI, finalizzata alla valorizzazione dei beni architettonici, artistici e paesaggistici della regione. Una Regione ricca di storia, arte, natura e preziose peculiarità da conoscere, documentare e diffondere.

Dal 21 settembre al 5 ottobre, infine l’AFI si sposta nelle belle sale di Palazzo Cicogna a Busto Arsizio con la mostra "Visioni e Suggestioni nelle fotografie contemporanee dell’Archivio AFI". Inaugurazione e incontro con gli autori si terranno domenica 21 settembre 2008 a partire dalle ore 11. Il periodo espositivo va dal 21 settembre al 5 ottobre 2008  e gli orari di visita sono i seguenti: martedi-sabato 16/19, domenica 10-12/16-19, lunedi chiuso. Ingresso libero. Questa esposizione nasce da un progetto ideato dall’AFI, con l’intento di proseguire nell’opera di osservazione del territorio e di arricchimento della collezione fotografica.

Una ricerca di documentazione del paesaggio urbano cittadino, dal centro alla periferia, interessato dalle inevitabili trasformazioni nel passaggio tra l’epoca industriale, di cui rimangono poche ma importanti testimonianze architettoniche, e il periodo moderno, rappresentato da una diversa pianificazione urbanistica che tiene conto dello sviluppo della città, anche riguardo alle necessità abitative. Lo scopo di questo lavoro, è proprio quello di offrire una moderna visione della città, lasciando ad ogni singolo autore la scelta di rappresentarla secondo un proprio linguaggio interpretativo, per una lettura più articolata e originale.


A tutti gli intervenuti all’inaugurazione, sarà donata una stampa fine art da collezione, a testimonianza di un evento nato per favorire una riflessione sull’importanza della periodica documentazione del territorio e sulla opportunità di implementare l’archivio fotografico attraverso progetti mirati, cosa che l’Assessore alla Promozione del Territorio del comune di Busto Arsizio ha ben compreso e incentivato, sostenendo l’iniziativa.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 28 agosto 2008
Leggi i commenti

Galleria fotografica

Archivio fotografico italiano 4 di 10

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore