Carabinieri e Asl chiudono azienda di confezioni

era gestita da un cinese che sfruttava propri connazionali. Sgomberato anche l'appartamento dove vivevano in tredici in un trilocale

I Carabinieri di Fagnano Olona hanno messo i sigilli ad un’azienda tessile di confezioni (Confezioni Franco) a Cairate in via Mazzini per violazione di una serie di norme sulla sicurezza in ambienti di lavoro. I tredici lavoratori, tutti cinesi, operavano in spregio di qualsiasi norma sulla sicurezza a partire dalle macchine cucitrici e le stiratrici antiquate e non a norma. I Carabinieri, insieme agli ispettori dell’Asl che hanno apposto i sigilli, hanno verificato anche le condizioni igienico-sanitarie degli ambienti pieni di sporcizia e senza nessun rispetto delle leggi sullo smaltimento dei rifiuti.

Il proprietario dell’azienda è stato denunciato per violazione delle leggi sulla sicurezza negli ambienti di lavoro. Dei tredici lavoratori presenti, tutti uomini di età comprese tra i 48 e i 22 anni, solo due erano in regola mentre gli altri 11 risultavano residenti in varie zone d’Italia e avevano un permesso di soggiorno regolare ma come colf o badanti. Al piano di sopra della struttura i lavoratori vivevano ammassati in un trilocale assolutamente troppo piccolo per ospitare così tante persone. Anche qui è stata emanata un’ordinanza da parte di sgombero da parte del Comune di Cairate.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 16 aprile 2010
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore