Novelli e Ripa soddisfatti: “Una vittoria del carattere su un campo impraticabile”

Il tecnico ci ha messo del suo correggendo in corsa gli errori tattici, Ripa segnando una doppietta alla sua maniera: e fanno tredici gol in undici partite

Tutto è bene quel che finisce bene, ed è finita benissimo allo Speroni in questa domenica di neve e passione. «Una partita importante contro un’ottima squadra, ben organizzata dietro» commenta il tecnico biancoblu Novelli. «Sono stati bravi loro, prima, su errori indivduali nostri, grave quello del 2-0, ma succede. Poi abbiamo costretto l’avversario dietro. Solo negli ultimi 20-25 minuti si riusciva a giocare di più, nel secondo tempo abbiamo giocato sul lungo, e al tempo stesso accorciato di più la squadra, vinto più contrasti. Abbiamo creato superiorità laddove nel primo tempo ci accentravamo troppo. Con Dell’Acqua trequartista, bravo a trovare spazi, ho potuto affiancare Serafini a Ripa»: scelta vincente. Buone le impressioni sul piano fisico: «abbiamo aumentato l’intensità, la corsa, mentre l’avversario calava. In ritiro a suo tempo abbiamo fatto 90-100 km di corsa»… e il risultato si vede. «Vittoria voluta, meritata, importante, anche con Zanetti non al meglio e senza Sarno».
Novelli lamenta lo stato del campo di gioco, innevato per oltre metà partita: «Ci devono essere le condizioni, per giocare. E più bello vedere il confronto tecnico su campi come si deve, non nel fango, nella neve: i calciatori sono patrimonio non della federazione, ma delle società. Capisco gli interessi e tutto, ma un conto è giocare a rugby, un altro a calcio. Il campo era impraticabile per lo sport, per lo spettacolo». Eppure il pubblico si è divertito. «Salò? Ottima squadra che aspira al nostro stesso traguardo. Dobbiamo essere umili. In campo soffrono tutti, dobbiamo essere bravi a elaborare questa sofferenza».
Per gli ospiti, il tecnico non poteva commentare ufficialmente causa l’espulsione.

Ciccio Ripa, intanto, si gode i suoi tredici gol in undici partite, scusate se è poco.«Fare gol significa tanto per l’attaccante. Sono contento e spero di continuare così. Meglio però non iniziare in questo modo le partire, è l’ennesima volta che ribaltiamo il risultato, e contro una squadra di un certo livello. Dobbiamo migliorare l’approccio alla partita. Dopo il primo tempo abbiamo capito che eravamo un po’ troppo lunghi. Il mister ci ha spiegato come stare in campo, trovavamo difficoltà anche per le condizioni del terreno, che nel secondo tempo un po’ è migliorato, mentre all’inizio si buttava palla avanti e basta. C’è stato del carattere, questo sì, nella nostra vittoria».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 28 novembre 2010
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore