“La casetta dell’acqua è un successo di questa amministrazione”

La risposta del sindaco Lorenzo Guzzetti alla richiesta di Uboldo Civica di installare una seconda casa dell’acqua

Cortese Consigliere Tavecchia,

ho ricevuto la Vostra lettera riguardante il posizionamento di una seconda Casa dell’Acqua nella zona nord del paese.

Innanzitutto notiamo con piacere, che Lei scrive che si tratta di un’iniziativa di successo!

Infatti il posizionamento in via Dante, molto apprezzato dai cittadini, è stato frutto di un accurato studio effettuato esclusivamente da questa amministrazione.

Come pure è stato esclusivamente svolto da codesta amministrazione la preparazione della richiesta di partecipazione al bando, la preparazione del bando di gara, l’affidamento dei lavori, l’installazione vera e propria, la distribuzione delle tessere. L’affidamento dei lavori poi è avvenuto, mediante una sorta di piccolo “project financing” (sì, è uguale al Cimitero…incredibile né?) dove l’azienda ha costruito la casetta e la gestisce negli anni a venire, sgravando il comune da tutta una serie di impegni, costi e controlli e garantendo al cittadino il servizio.

 

Notiamo invece che da molti mesi e su molti media definite quest’opera “vostro successo”. Se ritenete di valutare “vostro successo” aver portato una mozione, condivisa a maggioranza dal consiglio comunale, e aver segnalato la presenza di un bando della Provincia di Varese (e Uboldo si trova in Provincia di Varese…quindi come capirete i bandi che escono in Provincia il nostro Comune li conosce magari prima di voi…), fate pure, ma abbiate almeno rispetto per chi ci ha messo impegno e lavoro.

 

Per quanto riguarda il posizionamento di una seconda casetta dell’acqua, se voi aveste studiato e conosceste il bando, sapreste che C’E’ GIA’ la possibilità, per l’azienda aggiudicataria, di installare una seconda casetta dell’acqua.

La nostra Amministrazione si è già informalmente relazionata con l’azienda aggiudicataria, per capire se in futuro sarà possibile installare un’altra Casa dell’Acqua ma l’azienda, per ora, preferisce attendere dati consolidati di erogazione. Anche perché per essere sicuri che la seconda installazioni funzioni economicamente bisogna che stia in piedi il relativo business plan: non è che dividendo le utenze si aumentano i margini. Ma penso sia difficile, vedendo come avete lasciato i bilanci del Comune, che voi capiate qualcosa di economia e di bilanci aziendali…

 

Pertanto, invitiamo la Vostra formazione politica in futuro a pensare prima di parlare, a rendersi conto che le mezze verità che raccontate ai cittadini non sono edificanti per il vivere bene della comunità.

Infine, è tremendo pensare che in cinque anni non siate riusciti nemmeno a mettere una Casa dell’Acqua quando questa Amministrazione ha fatto 10 milioni di euro  di opere (senza aprire un solo mutuo) partendo da 28 mutui aperti soprattutto da voi e un debito totale di 7 milioni di euro lasciato dalla Vostra Amministrazione … e con tutti questi danni, nemmeno una Casa dell’Acqua siete riusciti a fare!!!

 

L’occasione è gradita per augurarVi Buon Natale. Passatelo bene.

 

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 16 Dicembre 2013
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.