Il PD chiede garanzie per il futuro del liceo Grassi

Evitata per il prossimo anno la chiusura della succursale dello scientifico, si guarda al futuro per non perdere la qualità educativa della scuola

La succursale del liceo scientifico Grassi a Saronno rimarrà attiva ancora per il prossimo anno.

La decisione viene salutata con favore dal PD locale che ringrazia soprattutto la determinazione di un gruppo di genitori: «Certo è che se i genitori avessero taciuto e non si fossero fatti carico del problema sarebbe stata presa una decisione gravemente sbagliata e lesiva sia dei diritti degli studenti che del prestigio della Città. Sarebbe passata, cioè, la soppressione della sede staccata, in una logica di taglio lineare, miope per definizione, con conseguenti riduzione dalla pregiata offerta formativa e danno ai diritti degli studenti, presenti e futuri».

I Democratici, però, chiedono garanzie anche per il futuro: « La tenacia del nostro Sindaco e del nostro Assessore alle Culture e alla Formazione nel richiedere un incontro con l’Assessore regionale Aprea fin dal mese di gennaio è stata finalmente soddisfatta ed il faccia a faccia c’è stato, anche se solo alla fine di aprile. I nostri amministratori hanno manifestato in sede regionale il disappunto delle famiglie, degli studenti e dell’intera comunità di Saronno e del saronnese, relativamente alla scelta delineata, poi modificata, dalla commissariata Provincia sulla succursale del Liceo ed hanno auspicato una soluzione definitiva del problema. Il PD, come è stato determinato e solerte nell’affermare che il Liceo valeva molto di più dei 150.000 euro di tagli imposti dalla Provincia, perché l’istruzione deve essere in cima ad ogni politica di spesa, sarà a questo punto vigile e attento perché le soluzioni individuate siano ragionevoli. Il requisito della distanza minima dalla sede centrale sarà uno dei principali visto che la medesima qualità del servizio formativo dovrà essere assicurato a tutti gli studenti. Oltre a ciò anche la congruità delle strutture in termini di spazi e corrispondenza alle esigenze degli studenti».

«L’auspicio, speriamo comune, è che si arrivi ad una soluzione strutturale e definitiva. Il tutto in un contesto di estrema incertezza visto che, ad oggi, ci sono scarse informazioni circa il passaggio delle deleghe sulle scuole superiori dopo le soppressioni delle province».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 06 maggio 2014
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore