Quantcast

Crolla un cavalcavia, un morto e quattro feriti

Secondo le prime informazioni sarebbe rimasto coinvolto un camion e le automobili che stavano transitando sotto il ponte

crollo cavalcavia

Galleria fotografica

Il cavalcavia prima del crollo 4 di 4

Un cavalcavia ha ceduto sulla Super36, ad Annone Brianza in provincia di Lecco. Secondo le prime informazioni il crollo ha provocato la caduta di grosso camion e sembra siano rimaste coinvolte anche delle auto che stavano transitando sotto il ponte.

crollo cavalcavia

IL BILANCIO DELLE VITTIME

Si chiamava Claudio Bertini e abitava a Civate, nel Lecchese, l’unica vittima del crollo del cavalcavia. Gli altri sono quattro feriti in codice giallo, ovvero feriti seri ma non in pericolo di vita, di cui tre bambini portati all’ospedale di Lecco. Inoltre: il guidatore camion con trauma toracico codice giallo a Lecco.

LA PRIMA RICOSTRUZIONE DI ANAS

Anas informa che, dalle prime ricostruzioni dei fatti, il cantoniere Anas addetto alla sorveglianza del tratto della strada statale 36 al km 41,900, sul quale alle ore 17.20 è ceduto il cavalcavia n. 17 della strada provinciale SP49, già attorno alle ore 14.00, avendo constatato il distacco di alcuni calcinacci dal manufatto, ha disposto immediatamente la loro rimozione e la parzializzazione della SS36 in corrispondenza del cavalcavia.

Subito dopo il cantoniere, in presenza della Polizia Stradale, ha contattato gli addetti alla mobilità della Provincia di Lecco, responsabile della viabilità sul cavalcavia, e li ha ripetutamente sollecitati alla immediata chiusura della strada provinciale SP49 nel tratto comprendente il cavalcavia. Gli addetti della Provincia hanno richiesto un’ordinanza formale da parte di Anas che implicava l’ispezione visiva e diretta da parte del capocentro Anas, il quale si è attivato subito, ma proprio mentre arrivava sul posto il cavalcavia è crollato.

È stato inoltre accertato che il Tir che è precipitato dal cavalcavia provinciale era un trasporto di bobine di acciaio il cui notevole peso non è al momento noto.

LE INFORMAZIONI DI ANAS

Anas comunica che la strada statale 36 ‘del lago di Como e dello Spluga’ è chiusa in corrispondenza del km 41,000, tra i comuni di Cesana Brianza e Annone.  Al momento il traffico è deviato sulla viabilità locale con uscita obbligatoria a Bosisio Parini in direzione Nord e a Suello in direzione Sud.

Sul tratto, dove sono stati coinvolti veicoli in transito, sono intervenuti il personale del 118, le squadre Anas, i Vigili del Fuoco e le Forze dell’Ordine per i primi accertamenti e le operazioni di soccorso.

Anas raccomanda prudenza nella guida e ricorda che l`evoluzione della situazione del traffico in tempo reale è consultabile sul sito web www.stradeanas.it oppure su tutti gli smartphone e i tablet, grazie all`applicazione `VAI Anas Plus`, disponibile gratuitamente in `App store` e in `Play store`. Inoltre si ricorda che il servizio clienti `Pronto Anas` è raggiungibile chiamando il nuovo numero verde, gratuito, 800 841 148.

AGGIORNAMENTO ALLE ORE 20.30

Anas informa che, con i propri operai e con ditte specializzate, sta provvedendo assieme alla Polizia stradale e ai Vigili del Fuoco, al taglio delle travi della campata della Strada Provinciale SP49 ceduta sulla SS36 e sta partecipando alle operazioni di soccorso di quanti sono rimasti coinvolti nel crollo.

È inoltre stato confermato che  il Tir che è precipitato dal cavalcavia della strada provinciale SP49 era un trasporto eccezionale di notevole ingombro e peso autorizzato dalla Provincia di Lecco. Non risulta ancora verificato il peso effettivo del mezzo.

Il cavalcavia era stato realizzato tra gli anni Sessanta e Settanta dalla Provincia di Como.

(Seguono aggiornamenti) 

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 28 ottobre 2016
Leggi i commenti

Galleria fotografica

Il cavalcavia prima del crollo 4 di 4

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore