Droga e furti, la Polizia Locale setaccia i parchi

Unità cinofile, pattuglie in forze per accendere un faro sulla microcriminalità che spaventa i cittadini. Denunciati due pusher e sventato un furto

polizia locale unità cinofila

Massiccia operazione antidroga della Polizia Locale nei parchi cittadini. Nella giornata di ieri, dodici agenti del Comando di corso Magenta, con i colleghi delle unità cinofile di Brescia e Milano, sono stati impegnati a setacciare le aree cittadine dove, ripetutamente, i cittadini hanno segnalato situazioni di degrado. È la seconda operazione in poche settimane.

Nello specifico, gli agenti hanno operato nell’area adiacente il centro commerciale Cantoni, nei giardini Falcone e Borsellino, sul lungo Olona, nei giardini di corso Italia, in piazza Frua, in piazza Mocchetti, in via Giussano, nell’area della stazione ferroviaria e nei giardini di via Quadrio e via Venezia. In totale sono state identificate 70 persone, di cui 12 minorenni.

In via Giussano, una ragazza di 23 anni residente a Legnano in possesso di cinque dosi di cocaina pronta per essere spacciata è stata denunciata per possesso ai fini di spaccio. Inoltre, nelle vicinanze di via Bixio, un extracomunitario di origine tunisina è stato trovato in possesso di 10 grammi di hashish, diviso in dosi, pronti per essere venduti. Anche in questo caso è scattata la denuncia sulla base del testo unico sugli stupefacenti.

Intorno alle 17, una chiamata alla centrale operativa segnalava che una ragazza era stata derubata della propria chitarra mentre stava passeggiando nelle vicinanze della stazione ferroviaria. Il personale del nucleo “falchi” in borghese, nell’arco di pochi minuti, è riuscito a individuare l’autore del furto e a recuperare lo strumento musicale. Il ladro, di 23 anni residente a Legnano, dopo aver rubato lo strumento si è immediatamente recato in un negozio per cercare di vendere la chitarra. Grazie alla videosorveglianza del negozio, il ragazzo è stato identificato e denunciato per furto e la chitarra è stata riconsegnata alla proprietaria.

L’operazione di ieri va a intensificare gli sforzi che, da qualche mese, il Comando di corso Magenta ha messo in campo per presidiare il territorio e contrastare fenomeni di illegalità diffusa, in particolare nelle aree centrali e quelle adiacenti alla stazione ferroviaria. Proprio in questa parte del territorio pochi giorni fa, precisamente nel nuovo tratto di via Venegoni che porta alla stazione, una pattuglia falchi in borghese è riuscita a recuperare un cellulare di ingente valore sottratto a una giovane ragazza residente in zona che aveva denunciato il furto alla Polizia di Stato.

Grazie a specifiche attività d’indagine comprendenti anche l’esame delle immagini della videosorveglianza, è stato possibile denunciare l’autore del furto e il ricettatore, consapevole della provenienza illecita del telefono. Si tratta di due extracomunitari di nazionalità tunisina, irregolari,
per i quali sono state avviate le procedure di espulsione dal territorio nazionale.

L’operazione di ieri, condotta dagli agenti della Polizia Locale nelle medesime aree che erano state setacciate alla fine del mese di settembre, ha visto un netto decremento delle sostanze stupefacenti sequestrate e delle denunce comminate.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 26 ottobre 2017
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore