“Aldo Veroni, lo zio libraio che resterà nel cuore di tanti”

Riceviamo e pubblichiamo una lettera da parte di Laura Veroni, nipote dello storico librario di Varese scomparso il 17 settembre a Valencia

Arte - Mostre

Oggi zio Aldo ci ha lasciati. Ultimo dei fratelli Veroni, con lui se ne va non solo un affetto personale, ma anche una parte di Varese, per tutto quello che ha rappresentato per questa città. Quale varesino non lo conosceva, infatti? Generazioni di lettori e di studenti hanno frequentato quella che è stata la Libreria dei Fratelli Veroni.

Quante volte mi sono sentita chiedere dalle persone: «Ma hai qualcosa a che vedere con la libreria?».
E la mia risposta, sempre la stessa: «Sì, sono la figlia di uno dei proprietari».
«Ah, la figlia del signor Aldo!».
No, di Edmondo. Aldo è mio zio».
Ah, che gran bella persona il signor Aldo! Aldo, il più conosciuto dei tre fratelli, nonché il più giovane, quello che era sempre a contatto con il pubblico, quello che potevi trovare dietro al bancone, all’ingresso della libreria, pronto a sfoderare il suo più cordiale sorriso di benvenuto ai clienti, a dispensare consigli sui libri, sulle ultime novità. Aldo, tanto stimato dai suoi dipendenti e dalla sua Varese.

Lo stesso Aldo che ha lottato per la libreria, che ci è rimasto attaccato fino alla fine, finché ha potuto, con la morte nel cuore, nel vedere il frutto di una vita di sogni, speranze e sacrifici condivisi con i fratelli, venir meno con l’inevitabile chiusura. Giù la saracinesca, via l’insegna: la Fratelli Veroni aveva chiuso i battenti. E da allora si poteva vedere quotidianamente il signor Aldo passeggiare per le vie del centro, sfilare davanti alle vetrine di quelli che erano stati i locali dove era invecchiato insieme ai suoi fratelli, con l’amarezza dipinta in volto e chissà quale spina conficcata nel cuore, dirigersi verso la Biblioteca Comunale a leggere il giornale, avvolto, durante gli inverni freddi, nel caldo paltò di loden verde, con le mani fasciate nei guanti di pelle nera e i capelli ingrigiti che incorniciavano un volto vissuto, sempre più sofferente per quel dispiacere che non lo aveva più abbandonato. Eppure non smetteva mai di dispensare saluti e sorrisi a quelli che erano stati i suoi vecchi e affezionati clienti.

E poi… la Spagna. I fratelli ormai non c’erano più, la figlia, l’unica, si era trasferita e, allora, che cosa poteva mai trattenerlo ancora qui? E così, addio Varese, con una punta di malinconia, perché qui lasciava comunque le sue radici, qui i ricordi della giovinezza, qui i momenti spensierati, qui le fatiche, qui i ricordi. Ma il signor Aldo Veroni per me non è stato solo questo.

Per me è stato molto di più. E’ stato lo zio della mia infanzia, il fratello giovane del babbo, il fidanzato della zia Milena. Lo ricordo ancora molto giovane, prima del matrimonio. Aldo era lo zio che viveva in casa con nonna Ines, quello che vedevo quasi tutti i sabato sera, quando i miei genitori uscivano per andare a cena e al cinema o a ballare e mi lasciavano a casa della nonna. Era lo zio con cui ridere e scherzare, con cui giocare, nell’attesa che arrivasse la domenica e con quella i miei genitori che tornavano a prendermi. E zio Aldo è stato per me anche un secondo padre, dopo la morte del mio.

Un padre che mi ha seguita silenzioso, ma presente, a distanza. Negli ultimi tempi, poi, da quando ho cominciato a pubblicare romanzi, è stato anche il mio fan più accanito. Sorrido commossa, pensando che ha tradotto in spagnolo il mio “Thanatos”, il libro che ha segnato l’inizio, diciamo pure serio, della scrittura. Ogni volta che usciva una novità, gliela spedivo e lui attendeva con ansia di ricevere il
pacchetto, per leggere le storie che inventavo, per poi mandarmi i suoi commenti. Aveva letto anche il romanzetto adolescenziale che avevo scritto a diciotto anni, dispensandomi consigli. Mi aveva incoraggiata a continuare, a non arrendermi. Era orgoglioso dei miei successi e mi diceva sempre che lo sarebbe stato anche mio padre. Negli ultimi tempi, quando io ho avuto un problema di salute, mi è stato molto vicino, pur fisicamente lontano. Ci scrivevamo spesso. Conservo i suoi messaggi gelosamente, specialmente uno, in cui mi esortava a non mollare, a stringere i denti e reagire, a lottare. Parole di conforto che avrei tanto voluto poter dire anche io a lui in questi giorni. Invece non ne ho avuto il tempo. Un ultimo Whatsapp, prima di ricevere la notizia che se n’era andato: TI VOGLIO TANTO BENE. E un cuore rosso che pulsa e che continuerà a pulsare.

Sono sicura che Aldo Veroni non mancherà soltanto a me. La sua scomparsa lascerà un vuoto nel cuore di molte persone, di tutte quelle che gli hanno voluto bene e che sono state tante. Ho nel cuore la certezza di farmi portavoce dei sentimenti d’affetto di tutte quelle persone, in primis dei familiari, poi, di tutti gli ex dipendenti della ex Libreria, quella con la L maiuscola, che tanto ha rappresentato per la nostra Varese, infine di tutte le persone che lo hanno conosciuto.
Arrivederci, zio <3.
Laura Veroni

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 17 settembre 2018
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore