A Villa Tatti si guarda la luna, tra musica e astronomia

Appuntamento con "Microcosmi" per sabato 20 luglio, dalle 19 e 30. Tra i protagonisti l'astrofisico Fabio Peri e il critico musicale Luca De Gennaro

Tempo libero generica

Una serata dedicata allo sbarco sulla luna. L’edizione “Microcosmi – Differenze, la diversità è il motore del mondo” organizza una serata tra musica, astronomia e cinema, dedicata all’allunaggio, avvenuto cinquant’anni fa.

L’appuntamento è nel bellissimo parco di Villa Tatti Talacchini per sabato 20 luglio e gli appuntamenti prenderanno il via dalle 19 e 30 con l’apertura dello stand gastronomico mentre alle 20 e 30 inizieranno gli spettacoli musicali con Paolo Spaccamonti. Chitarrista e compositore di Torino che si è costruito nell’arco di soli dieci anni un profilo di prima fascia nel circuito dell’avanguardia italiana grazie a una discografia ormai ricchissima, fatta tanto di dischi in proprio (Buone Notizie, Rumors) quanto di lavori in coppia con eccellenze musicali italiane (Stefano Pilia, Mombu, Ramon Moro, Daniele Brusaschetto, l’italiano d’adozione Paul Beauchamp) e straniere, come quel Jochen Arbeit degli Einstürzende Neubaten con cui ha firmato CLN nel 2018.

Alle 21 e 15 sarà il momento dello spettacolo di danza dal titolo “No Gravity “, diretto da Silvana Bazzi con musiche di Sofia Neri. In scena Francesco Cremona, Micol Sinigaglia, Sofia Neri, Benedetta Minonzio, Diana Dorizzi.

Astronomia e musica invece, saranno i protagonisti di “Le due facce della luna”, l’incontro che vedrà come protagonista l’astrofisico Fabio Peri e il critico musicale Luca De Gennaro: entrambi parleranno della luna ma in modo differente. Il primo dal punto di vista scientifico, il secondo prendendo spunto da uno degli album più significativi della musica, “Dark site of the moon” dei Pink Floyd.

La serata continua alle 23 con il concerto dei Mountains of the sun, la band di Varese che proporrà il suo blues psichedelico, sotto le stelle della villa. A chiudere la serata sarà la proiezione del film diretto da Theodore Melfi, “Il diritto di contare”. Sullo schermo l’incredibile storia di Katherine Johnson, Dorothy Vaughn e Mary Jackson, tre brillanti donne afroamericane che – alla NASA – lavorarono ad una delle più grandi operazioni della storia: la spedizione in orbita dell’astronauta John Glenn, un obbiettivo importante che non solo riportò fiducia nella nazione, ma che ribaltò la Corsa allo Spazio, galvanizzando il mondo intero.

La serata è ad ingresso libero e gratuito. Dal tramonto saranno possibili le osservazioni astronomiche con il telescopio di Antonio Paganoni. Attivo lo stand gastronomico.

Per maggiori informazioni: https://www.facebook.com/Microcosmi/.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 19 luglio 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore