Coronavirus, raccolta fondi della comunità islamica

La cifra di 4 mila euro versata alla Comunità Montana per fronteggiare l’emergenza. Uno spazio per la preghiera a Cassano

Avarie

«Un gesto di apertura a cui dare grande risalto».

Usa queste parole il sindaco di Cassano Valcuvia Serena Barea nel commentare la scelta dell’associazione culturale islamica della Valcuvia di donare il frutto di una raccolta fondi per contrastare l’emergenza coronavurus.

L’associazione, che ha recentemente trovato uno spazio per la preghiera proprio a Cassano Valcuvia, ha sede a Gemonio e vanta diverse centinaia di iscritti.

Famiglie di origine marocchina, algerina, tunisina e di altri Paesi che hanno voluto dare un segnale alla società civile per far sapere di essere in prima linea per combattere l’emergenza raccogliendo 4 mila euro da destinare a chi si trova in difficoltà.

«Abbiamo pensato che la soluzione migliore fosse quella di convogliare il danaro raccolto a un ente come Comunità Montana così che la cifra venga distribuita in maniera omogenea nelle aree in cui c’è più bisogno», ha commentato il sindaco di Cassano Valcuvia.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 30 aprile 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore