Un corso on line per imparare il cyberbullismo

E' organizzato dalla facoltà di scienze della comunicazione con il Soroptimist club Varese

Bullismo e cyberbullismo

Il Corso di Laurea in Scienze della Comunicazione dell’Università degli Studi dell’Insubria (Dipartimento DiSUIT), in collaborazione con l’Associazione Soroptimist Club Varese, ha organizzato il corso di Alta Formazione dal titolo “Prevenire e contrastare il cyberbullismo, con particolare riferimento alle prospettive di genere”.

Il corso  intende fornire una chiave di lettura e di prevenzione efficace e avanzata dei fenomeni collegati al cyberbullismo dal punto di vista giuridico, economico, sociologico, psicologico, pedagogico.

Il cyberbullismo, soprattutto in fase adolescenziale, può avere ricadute psicologiche: tali situazioni conducono a danni sociali ed economici notevoli e dannosi da ogni punto di vista. Il corso vuole offrire chiavi di risoluzione efficaci e innovative per un fenomeno che è opportuno rimuovere in modo efficace in ogni contesto.

Il corso, della durata di 16 ore (più una lezione finale di due ore sul cinema e la letteratura offerta agli iscritti) e ricco di workshops e simulazioni pratiche, si svolgerà in stretta collaborazione con docenti del Dipartimento DiDEC e con lo staff della Cattedra UNESCO. E’ diretto dalla giurista  Paola Biavaschi ed è rivolto a operatori nel mondo educativo, sanitario, giuridico, politico, amministrativo, imprenditoriale, agli studenti universitari: si tratta di un corso, quindi, completamente aperto alle esigenze e alle emergenze proprie della società contemporanea. I docenti saranno giuristi, psicologi, pedagogisti, comunicatori e professionisti del settore.

«Il cyberbullismo e i fenomeni di hating sulla rete possono colpire chiunque: ogni individuo diverso nel modo di pensare, o a causa del suo aspetto può divenire una vittima – spiega Paola Biavaschi -Si tratta di una realtà molto diffusa in Italia e dai costi sociali altissimi: in particolare le donne, pensiamo alle donne del mondo dell’informazione e le ragazze in età adolescenziale, ne fanno le spese. Internet, per altri contesti luogo di democrazia e dialogo, diventa, allora, una “giungla”, un luogo in cui alligna l’illecito. I mezzi per prevenire e contrastare il fenomeno, tuttavia, ci sono e il nostro corso intende proporre queste strategie a un pubblico di educatori, professionisti e a tutte le persone interessate».

«Il Soroptimist International, che, da sempre, ha nella sua mission la promozione dei diritti umani e l’accettazione delle diversità, vede tra le sue molteplici attività, azioni e progetti rivolti alle donne e alle categorie più vulnerabili – commenta la referente di Soroptimist Club Varese, Paola Fantoni –  Il Club è pertanto orgoglioso di affiancare e sostenere l’Università degli Studi dell’Insubria nel corso di Alta Formazione sul Cyberbullismo perché ritiene che tale fenomeno rappresenti una piaga odiosa della nostra società, che colpisce in particolar modo i giovani e le fasce più fragili e indifese, compromettendone la corretta crescita. Solo una cultura volta al rispetto e al contrasto agli stereotipi di genere, culturali e sociali, terreno sul quale nasce ogni forma di discriminazione, può contribuire al miglioramento della società».

Il corso si svolgerà on line sulla piattaforma Teams nelle date 13-20-27 novembre e 4 dicembre 2020 dalle 17 alle 21 (inoltre è previsto un test finale accompagnato da una conferenza sul fenomeno così come è rappresentato nel mondo del cinema e nella letteratura).
Per la frequenza, grazie alla sovvenzione di Soroptimist Club Varese, è previsto il versamento di una quota di soli 166 euro.
Iscrizione su https:/uninsubria.esse3.cineca.it/Homedo entro il 9 novembre 2020.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 30 Ottobre 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore