Troppe intemperanze a Gallarate, il tribunale lo manda a coltivare la terra in Sardegna

Il cinquantenne fa parte del gruppo segnalato più volte per ubriachezza molesta e molestie varie. Ora il Tribunale di Pavia, che già lo seguiva, ha disposto una misura più drastica di limitazione della libertà personale

gallarate generico

Ubriacatura in piazza, intermperanze varie, accattonaggio molesto. E alla fine i comportamenti sopra le righe a Gallarate – più volte segnalati – finiscono con l’invio in Sardegna, a coltivare la terra in una “colonia agricola”, un carcere anomalo.

Protagonista, un italiano classe 1965, noto perché fa parte del gruppo di persone (un po’ sbandate, un po’ dipendenti da alcol e sostanze stupefacenti) che si ritrova qua e là nelle strade e piazze di Gallarate.

La responsabilità è personale e il cinquantenne aveva già attratto l’attenzione delle forze dell’ordine: già sottoposto alla misura della libertà vigilata, è stato nuovamente segnalato dai carabinieri della Compagnia di Gallarate nei mesi scorsi per una serie di episodi. Alla fine il Tribunale di Pavia – che aveva emesso il precedente provvedimento –  ha previsto un aggravamento della misura preventiva: l’uomo sarà portato alla Colonia agricola penale di Isili (Sardegna centrale), una delle poche colonie agricole esistenti in Italia.

I carabinieri hanno dunque eseguito l’ordinanza nella mattina di martedì 24 ottobre: l’uomo è stato rintracciato agevolmente, perché era stato segnalato per accattonaggio molesto nel parcheggio del centro commerciale Malpensa1.

Roberto Morandi
roberto.morandi@varesenews.it

Fare giornalismo vuol dire raccontare i fatti, avere il coraggio di interpretarli, a volte anche cercare nel passato le radici di ciò che viviamo. È quello che provo a fare a VareseNews.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 24 Novembre 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.