Ricerca

» Invia una lettera

“Il mio piccolo angelo, nato vivo a 19 settimane”

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle
Loading...

10 luglio 2013

Nei giorni scorsi ha fatto il giro del mondo la notizia di un bambino di 19 settimane nato vivo, ha resistito per qualche minuto e ha commosso il mondo. Storia analoga è accaduta lo scorso maggio a una coppia di Castiglione Olona: hanno scritto alla nostra redazione per raccontare non solo quanto è successo, ma soprattutto le loro emozioni. Di seguito la loro lettera integrale:

Usa: bimbo nasce di 19 settimane, sopravvive qualche minuto e commuove il web.
Castiglione Olona: bimbo nasce di 19 settimane, sopravvive qualche minuto e commuove… mamma e papà.
Il piccolo Walter Joshua Fretz, nato a 19 settimane negli USA, commuove il web. Il nostro piccolo Ethan, nato vivo il 19/05/2013 alla settimana gestazionale 19+3, commuove “semplicemente mamma e papà”, ed il personale dell’ospedale in cui è nato.

Ethan come Walter Joshua. Piccoli angeli che hanno deciso di venire alla luce troppo presto. Ed hanno deciso di farlo alla grande, e cioè vivi. Un’infezione, il collo dell’utero si accorcia, le contrazioni, il parto. Ed Ethan è con me. Vivo. La sua manina mi stringe l’indice, mi sorride, sta con me 3, forse 4 minuti. Dopodichè emana il suo ultimo respiro. Si "sgonfia" e si spegne. Le uniche cose che mi restano di lui sono la sua foto (che io e mio marito riteniamo troppo intime per essere pubblicate) e le impronte delle sue manine e dei suoi piedini. La sofferenza di quel momento ti entra nel cuore, te lo lacera, non ti abbandona mai…Di tutto questo, a me resta quell’amore immenso e incondizionato, unico e potente che solo la sua manina, in quell’attimo, ha saputo darmi. Un tocco che non dimentichi. Una parte di te esterna che ti entra dentro e ti riempie il cuore. Un amore breve ma infinito. Un qualcosa che a parole è inspiegabile. Un senso di pieno, di completo. Di Grande. Una sensazione che ti eleva alla massima potenza.

Per una futura mamma, la gioia e la felicità di una nascita che vengono interrotte dal dolore e dalla sofferenza di una perdita, sono il suo cuore che si lacera. Una parte di lei muore, viene messa via. E con il mio piccolo Ethan, è stata messa via anche una parte di me, la mia parte migliore. Penso che tutti abbiamo un ruolo su questa terra, ma le persone migliori non sono destinate a stare qui. Sono chiamate indietro per svolgere compiti speciali ed Ethan, cosi come Walter Joshua, fanno parte di loro, dei migliori, destinati a qualcosa di piu’ grande, che avrà sicuramente un suo senso, anche se per me è incomprensibile. Il dolore più grande che un genitore possa provare credo sia la perdita di un figlio. E qui, di questo si tratta. Non è una gravidanza che non è andata a buon fine. È tuo figlio che nasce. Lo tieni in braccio, si muove, respira. Il suo cuore batte. E in un attimo, cosi come è arrivato, ti viene portato via. E tu sei li, lo tieni in mano, e non puoi fare niente per aiutarlo. Non lo puoi salvare. Tu hai in mano tuo figlio e non puoi fare niente per lui. L’impotenza assoluta. Te lo portano via… ti chiedi perché..e ti senti cosi inutile e cosi insignificante che la tua stessa vita passa in secondo piano.

Non chiedi tu di essere messa davanti a simili situazioni e quando ti ci trovi ti chiedi perché. Perché io? Da qui nasce la tua atrocità quotidiana: Devi “sopravvivere” a tuo figlio. Tutto ciò che viene dopo non lo realizzi nemmeno. La cassa bianca, i fiori, il carro funebre, il cimitero… vaghi ricordi lontani. Ma l’amore per tuo figlio ti porta a sorreggere la sua piccola bara durante la funzione e ti porta a consegnarla all’incaricato del cimitero per la sepoltura. E tu lo guardi negli occhi mentre ti porta via quanto di meglio la vita ha dato a due genitori che oggi guardano avanti supportati dall’amore e dalla comprensione reciproca, cercando di lasciarlo andare, consapevoli del fatto che è e sarà sempre con e parte di loro. Ed oggi io ed il suo Papà viviamo immaginando quale figlio meraviglioso Ethan avrebbe dovuto essere e sapendo invece quale angelo speciale è.

Samantha & Salvatore
In ricordo di Ethan
19/05/2013
h. 20.35

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.