Ricerca

» Invia una lettera

Ricetta dematerializzata: in Trentino è più semplice

ricetta medica
1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle
Loading...

31 Marzo 2020

Buongiorno redazione,

Leggo la notizia sulla ricetta dematerializzata e mi vengono degli spunti che potrebbero meritare un approfondimento.

Avendo abitato qualche anno in Trentino ho avuto modo, già nel 2017/8, di usufruire di questo servizio e, tornando a Varese l’anno scorso, mi sono stupito che qui non fosse ancora attivo.

Il primo pensiero dunque, leggendo il vostro articolo è “era ora!”.

Mi domando però perché, invece di copiare un modello esistente, la Regione Lombardia abbia creato una cosa diversa e più complicata. In Trentino non arriva nessun messaggio, nessun numero di ricetta… Ti presenti in farmacia con la tessera sanitaria e il farmacista vede le ricette aperte a tuo nome. Semplice, immediato, senza passaggi inutili.

Il fatto che il sistema sanitario nazionale sia gestito a livello regionale crea delle differenze (in genere positive per i lombardi, nulla da dire!) ma anche della inefficienze.
Peraltro, esperienza di chi viveva in Trentino ma tornava spesso a casa, se hai in mano una ricetta trentina, in Lombardia paghi il farmaco per intero. Ora che la ricetta è elettronica in un’altra regione non la vedranno nemmeno.
All’epoca prendevo un farmaco tutti i giorni e per paura di restare senza dovetti chiedere al medico di fai una ricetta “bianca” caso mai mi fossi trovato in Lombardia senza farmaco.
Cordiali saluti,
Andrea Barbieri.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.