Ricerca

» Invia una lettera

Ringraziamenti per 5 anni di opportunità

Coppa del mondo di canottaggio, aspettando il via
1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle
Loading...

19 Aprile 2016

Egregio Direttore,
Scrivo per poter avere l’opportunità di ringraziare pubblicamente per un’opportunità unica nella vita che è stata parte della mia vita negli ultimi 5 anni.

Quando nel 2012 arrivarono al Liceo Manzoni per proporre un’attività di alternanza scuola-lavoro per gli Europei di canottaggio, non avrei mai immaginato questo mi avrebbe portato a 5 eventi al Lido della Schiranna.
Ricordo ancora i corsi preliminari per imparare a conoscere il canottaggio, le lezioni di inglese per prepararci a capirne il gergo tecnico e l’interazione con una platea internazionale, le assegnazioni di divise e ruoli.
Dagli Europei del 2012 in cui fui scelta da Swiss Timing (i cronometristi ufficiali dell’evento), al Counting Marshall (conteggio barche) del 2013, alla Task Force in cui ero un jolly dove fosse necessario nel biennio 2014-15, al ruolo di leader del team Antidoping, sono transitata praticamente in tutti i ruoli previsti per l’evento, interagendo con atleti di ogni nazione, team manager, sponsor, pubblico e giudici internazionali, oltre ovviamente agli altri volontari che come me lavoravano per la riuscita dell’evento.

Porto dietro i ricordi dei sorrisi ed i ringraziamenti di coloro che aiutavamo, le risate coi compagni, le sveglie all’alba ma sempre con la voglia di lavorare, il passare dal parlare inglese allo spagnolo all’italiano nel giro di due minuti, l’onore di rappresentare due volte una nazione come la Norvegia ed esserne portabandiera (diventandone una tifosa), le persone come giudici ed atleti che si ricordavano di noi da un anno al successivo.
E devo ringraziare così tante persone che un piccolo libro non basterebbe, da Luigi Manzo che è stato il pioniere di quest’opportunità per i primi due anni, plasmando il primo gruppo di volontari, passando poi il timone ad Alessandro Franzetti per il biennio successivo, che a sua volta ha lasciato a Paolo Santopolo il compito di portare a termine questo quinquennio di impegni internazionali.
Passando poi a Valentina Castelli, fondamentale per l’Accreditation Centre, a tutti i team leader che si sono susseguiti negli anni, ai compagni volontari, ai giudici nazionali ed internazionali, agli atleti ed il loro entourage, al pubblico, ai media e la FISA (e anche tutti coloro che in questo momento dalla lacrimuccia facile sto dimenticando incosapevolmente)
Tutti hanno contribuito a creare in me 5 anni di immagini impresse a fuoco nella mente, a plasmarmi, a migliorarmi e dandomi l’opportunità di vivere delle esperienze uniche ed indimenticabili.

Ogni anno il giorno del termine delle gare, quando calava il sipario e venivamo ringraziati, sentivo il sapore dolce-amaro di aver preso parte ad eventi irripetibili, con la consapevolezza che l’anno successivo ci sarebbe stata una nuova occasione per rimettersi in gioco.
Quest’anno si è concluso con la speranza che Varese sia nuovamente internazionale, perché 5 anni di “Smile & Flexibility” apprezzati da tutti dovrebbero avere un seguito e non una fine, perché il lavoro fatto finora, consolidandosi di anno in anno, possa portare nuovamente i propri frutti.

Grazie ancora a tutti per avermi inclusa in questi 5 anni dove Varese era centro del mondo del canottaggio!

Greta Guidobono

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.