Ricerca

» Invia una lettera

Trenord e il piano Expo, opinioni di un pendolare

Trenord expo
1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle
Loading...

22 Maggio 2015

Egregio direttore,
sono uno studente universitario pendolare, abbonato a Trenord da ormai quattro anni, che percorre quasi tutti i giorni la tratta ferroviaria Busto Arsizio Nord-Milano Cadorna.
Purtroppo devo prendere atto di come il servizio offerto in questi anni non sia migliorato, nonostante i continui aumenti tariffari. Dal 2011 ad oggi, infatti, il costo di un abbonamento mensile è aumentato gradualmente del 18% (da 60 € ai 71 attuali). Personalmente trovo che gli aumenti tariffari possano essere legittimi, ma dovrebbero essere accompagnati da un miglioramento della qualità del servizio reso.
In questi anni ho sempre trovato che il servizio reso fosse tutto sommato accettabile: i treni non erano quasi mai puntuali, ma comunque i ritardi all’arrivo a destinazione non superavano quasi mai i 10 minuti. I treni erano stati progressivamente rinnovati e sostituiti (pur capitando ancora talvolta di viaggiare su qualche reperto archeologico).
Dallo scorso mese, però, con l’introduzione del nuovo orario legato al cosiddetto “Piano Expo”, devo dire che il servizio è peggiorato. Sono stati cambiati di pochi minuti gli orari di quasi tutti i treni, col risultato che adesso molto spesso i treni arrivano in ritardo di 3-4 minuti, arrivando di fatto ai vecchi orari precedenti. Inoltre, sono aumentati anche i ritardi a doppia cifra, anche in orari non di punta: settimana scorsa ad esempio ho preso un giorno il 10.39 ed un giorno il 12.39 ed entrambi sono arrivati a Busto Arsizio, da Novara, con un ritardo di già una quindicina di minuti. Anche i guasti sono aumentati e nelle scorse settimane è capitato più volte che il treno partisse in ritardo di 10-15 minuti da Cadorna per problemi tecnici che si sono palesati al momento della partenza.
Ma, aldilà di ritardi e guasti, uno dei maggiori problemi riguarda l’eccessivo affollamento dei convogli. Molto spesso i treni in partenza da Milano nel tardo pomeriggio hanno non più di 3 carrozze, che si riempiono in pochi minuti costringendo diversa gente a viaggiare in piedi già da Cadorna e a venire poi progressivamente schiacciata dai pendolari che salgono successivamente alle stazioni di Domodossola e Bovisa. Di contro, molto spesso in orari di scarso affollamento si trovano treni lunghissimi che viaggiano quasi completamente vuoti. Penso che gli orari di maggior affollamento dei treni siano ben noti a Trenord, e mi chiedo, quindi perché non provvedano a predisporre treni con una capienza più proporzionata ai viaggiatori.
Oltretutto con la soppressione di alcune fermate del Malpensa Express a Busto Arsizio, l’affollamento sui treni per Novara è ulteriormente aumentato.

Cordialmente

Davide Franchi

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.