Ecco come si fa una vignetta

23 aprile 2017

Creare vignette è una cosa complicata perché richiede una buona dose di creatività, una grande capacità di sintesi e uno spiccato senso dell’ironia, qualità che si possono affinare ma non imparare. A queste tre Yama, al secolo Pierre Ley, ne aggiunge una quarta, non indispensabile, ma che lo rende abbastanza unico: lui le vignette le disegna con un dito o con una penna capacitativa (quella con un’estremità in gomma morbida) su un piccolo tablet, utilizzando un banale programma di disegno. La tecnologia è solo uno strumento che non facilita il suo compito e soprattutto non lo sostituisce mai nel momento creativo. «In realtà – spiega Pierre Ley – è molto più difficile che sulla carta ma a me piace un po’ complicarmi la vita».

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.