Speroni blindato e Pro Patria carica per la partitissima

I tigrotti ricevono i grifoni del Genoa capolista, con cui hanno qualche conticino da saldare dopo i tre rigori subiti all'andata

Si prepara un match intenso allo Speroni fra Pro Patria e Genoa: c’è solo da sperare che la pioggia, prevista con abbondanza nel fine settimana, non rovini il terreno di gioco. Se non altro, potrà spegnere gli spiriti bollenti delle tifoserie: perchè il problema numero uno si chiama sicurezza, dopo il forzoso rinvio dell’ultimo match dei grifoni a Pavia.

Come annunciato ieri in conferenza stampa dal direttore generale Guffanti, il presidente Armiraglio ha stretto accordi con il Prefetto Aragno, il Questore Selmin ed il vicequestore Scalise per preparare al meglio l’accoglienza della tifoseria ospite. "Abbiamo reso noto il numero di posti disponibili per i genoani – 1000, 1050, non di più, fra popolari e tribuna – ed anche la Digos genovese ha fatto del suo meglio per spiegare ai tifosi rossoblu che i posti saranno limitati" dichiara il presidente. Si attendono nove pullman di tifosi liguri al seguito dei grifoni, che, a dispetto dei tre punti di penalizzazione in classifica dopo lo scandalo delle partite truccate nello scorso campionato di B, di due pareggi interni e una partita rinviata nelle ultime tre giornate, sono ancora in testa al girone A della C1. Alloggiare i genoani e i numerosi giornalisti e troupe televisive che accorreranno allo Speroni richiederà qualche piccolo sacrificio ai tifosi della Pro: ad esempio il posteggio interno per gli abbonati sarà off-limits – in cambio lo si potrà usare, in via del tutto eccezionale, per la prossima semifinale di Coppa Italia con la Sanremese. Quanto alle prevendite, si sfiorerà il tutto esaurito: finora sono stati "piazzati" 700 biglietti – oltre a quelli per gli ospiti e agli abbonati.

L’ultimo precedente di campionato fra le due squadre risale alla stagione 1965/66, in serie B: la Pro Patria vinse 1-0.Sognare non costa nulla, e mister Discepoli, pur non nascondendosi la forza dell’avversario, si mostra fiducioso. "Ci siamo allenati serenamente, recuperando dalle fatiche delle ultime settimane, in cui tra recuperi e Coppa abbiamo spesso dovuto giocare partite infrasettimanali: infatti a Padova nella ripresa eravamo un po’ stanchi". Quella che purtroppo non si può recuperare è la lunga lista degli infortunati (Salvalaggio, Barison, Cioffi, Ambrosetti, Davanzante, Gibbs) e la squalifica di Valtolina, mentre anche il bomber Artico appare in forse. Ma la buona notizia è il rientro dell’esperto capitano Paolo Tramezzani. Vi sono insomma le premesse di un match intenso, in cui controbattere sul campo, con i fatti, ai tre rigori subiti all’andata ("ho giocato ventun anni e allenato per sedici, ma tre rigori contro nella stessa partita non li avevo ancora visti" commenta Discepoli) e alle polemiche. Una vittoria contro la capolista sarebbe un tonico impagabile, e una cura radiclae per la "pareggite" di cui i tigrotti hanno sofferto durante gran parte del campionato.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 04 marzo 2006
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.