L’archeologia diventa multimediale a Golasecca

Il Comune, quale capofila di un partenariato, ha ricevuto l’approvazione del progetto presentato a Fondazione Cariplo. Il contributo è di 650mila euro e verrà integrato dai per raggiungere il totale di 1.312.000 euro

Il Comune di Golasecca, quale capofila del partenariato costituito con Soprintendenza per i Beni archeologici della Lombardia, Provincia di Varese-Assessorato Marketing e cultura, Sistema Museale Archeologico della Provincia di Varese, ha ricevuto l’approvazione del progetto presentato a Fondazione Cariplo sulla “Gestione integrata dei beni”, dal titolo: “Il sistema culturale archeologico della civiltà di Golasecca”.
Il Comune di Golasecca, con i Partner, ha proposto una serie di azioni riferite alla formazione del Centro multimediale museale per l’archeologia di Golasecca che si relaziona con il territorio e vuole valorizzare le opportunità culturali già presenti.
Il contributo è di 650mila euro e verrà integrato dai vari Enti per raggiungere l’importo totale di 1.312.000 euro. 
Oltre al restauro conservativo di uno stabile comunale situato a pochi metri di distanza dal rudere del San Michele e dai percorsi storici che sono già stati restaurati e che si intendono recuperare, il progetto prevede interventi di restauro anche all’area archeologica del Monsorino e la pubblicazione di un testo che presenterà da parte della Soprintendenza inediti studi su corredi funerari ritrovati nel territorio di Golasecca in occasione degli scavi effettuati per la realizzazione del viadotto autostradale. L’opera, per la cui realizzazione sono previsti 18 mesi, è da ritenersi polo attrattore nell’ambito dei circuiti e delle connessioni legate al Fiume Ticino ed al suo bacino fino alla vicina Svizzera.
«Desidero ringraziare tutti coloro che hanno sostenuto il Progetto – commenta il sindaco di Golasecca Maria Maddalena Reggio -: l’Unesco, il Parco Lombardo della Valle del Ticino,
la Comunità Montana Valli del Verbano, l’Assessorato alla Cultura del Comune di Varese,
il Centro Studi Preistorici, l’Agenzia Land of Tourism di Varese, il Comune di Arsago Seprio,
l’Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia nella persona del Prof. Merletti, la Fondazione Comunitaria del Varesotto Onlus con la quale sono da tempo stati attivati altri contributi indispensabili per l’opera pubblica del Micronido».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 03 agosto 2012
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.