Cinema industriale: Edison e il carbone bianco

Lo sviluppo dell'Italia negli anni '50 e '60 attraverso la cinepresa di Ermanno Olmi che racconta la costruzione dei bacini artificiali per le centrali idroelettriche

Martedì 18 maggio alle ore 15.00 in aula C113 si terrà all‘università Cattaneo la VII
giornata dell’Archivio del Cinema Industriale cui la LIUC
è socio fondatore
assieme a Confindustria.

La giornata sarà dedicata al tema:

"EDISON: il carbone bianco in Lombardia (1884-1963)"

L’Italia fu tra i primi paesi a sviluppare l’elettricità come fonte di
energia con l’avvio delle centrali lombarde e la creazione della Edison,
nata a Milano nel 1884. La produzione di energia idroelettrica si affermò
come importante elemento di sviluppo nella prima metà del Novecento e
rivestì un ruolo molto importante anche nel boom economico del secondo
dopoguerra. L’atmosfera degli anni eroici della costruzione dei grandi
bacini artificiali si ritrova nei documentari della Sezione Cinema
Edisonvolta, diretta da Ermanno Olmi, preziosa testimonianza dello sviluppo
della nuova Italia industriale degli anni Cinquanta e Sessanta.

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 07 Maggio 2007
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.