“Quelli che…” monopolizzano gli spazi elettorali

Presa di posizione dei verdi per la Pace sulla questione dei manifesti ricoperti da quelli della Lega

 

Riceviamo e pubblichiamo

In
effetti, anche questa notte a Busto Arsizio, non è successo
nulla di nuovo.

O
meglio: è successo che, tanto per mantenere le buone
tradizioni, una o più squadre di attacchini ben armati di
pennelli, di colla, di tonnellate di carta e sicuramente anche di
disponibilità di tempo e di energie che in genere quelli che
“ce l’hanno duro” dedicano ad altre attività, si siano
tranquillamente divertiti ad occupare tutti (non quelli disponibili,
tanto meno quelli a loro assegnati), ma proprio TUTTI gli spazi
elettorali con i loro manifesti LEGA NORD.

A dire
il vero, per esempio a Borsano (via XXIV Maggio), forse perché
avevano esaurito la loro quasi infinita scorta di materiale di
dubbio, anzi pessimo gusto artistico e grammaticale (leggeteli! Ce ne
sono tanti!), si sono limitati democraticamente a strappare tutti gli
altrui manifesti, compresi quelli dei loro alleati, e salvaguardando
unicamente quel bel faccino del Candidato presidente della Provincia
del loro partito.

Cosa c’è
di strano? Come si diceva: nulla, nulla di nuovo e nulla di strano.

Del
resto: ognuno è padrone a casa sua! Se poi la casa è
quella del vicino, del parente (vero Forza Italia, AN, e compagnia?) o
di chi altro, chi se ne frega?

Sono
sempre quelli, quelli che imbrattano con enormi scritte “a
pennellessa” i muri più grandi che trovano, quelli che
attaccano adesivi su semafori e cartelli stradali, quelli che …

Ecco: il
problema è “quelli che …”!

Quelli
che occupano, oltre ad ogni spazio elettorale, ogni poltrona
disponibile, magari trattando con gli amici; quelli che inventano
(coi soldi di tutti) fondazioni e che ne decidono per conto loro
nome, finalità e soprattutto poltrone; quelli che si riciclano
da più amministrazioni (ma sono sempre loro) dando la colpa
dei disastri combinati all’amministrazione precedente (vedi via
Gioberti, passerelle dei Cinque Ponti), quelli che …

Noi
VERDI da stasera riprenderemo ad “attacchinare” i nostri pochi
manifesti elettorali, rigorosamente negli spazi a noi assegnati,
senza sperare che già da oggi il concetto di democrazia e del
confronto rispettoso delle sue regole minime, possa trovare un varco
nei cervelli di “quelli che …”, quindi pronti a rifare la cosa
settimana prossima.

E’ una
battaglia che ci piace, quella tra l’intelligenza e la prepotenza.

Sappiamo
di denunce e rimostranze scatenate, non solo a Busto ma in tutta la
provincia (dato che il problema non è di quattro cartacce, ma
di “cultura”, quindi generalizzato e sicuramente in previsione
ripetibile); ci associamo con malinconia, sapendo benissimo che,
visti i decennali precedenti, multe, sanzioni, richiami e quant’
altro avranno solo l’effetto di far sogghignare “quelli che …”,
tanto il casino l’hanno fatto e se poi c’è da pagare di
soldi da “Roma ladrona” ne arrivano sempre (traduzione: le loro
multe le paghiamo noi, ma il loro modo di agire non è
democraticamente risarcibile).

Ultima
nota da VERDI: ma tutte quelle tonnellate di carta che sprecano
(senza contare acqua, colla …) dove vanno a prenderle? Hanno forse
trovato la cartiera dalle uova d’oro? E poi, quando strappano i
manifesti altrui, li riciclano differenziando o li piantano lì,
tanto c’è chi pulisce?

Noi
VERDI di Busto, avendo a disposizione in totale 66 spazi, abbiamo
stampato, proprio sapendo che ci sono “quelli che …” 150
manifesti, pari a circa 4/5 Kg. di carta; “quelli che…” solo
stanotte hanno fatto fuori una sezione della foresta amazzonica,
hanno inquinato e disturbato i cittadini di Busto, oltre ad offendere
la correttezza dei loro alleati e dei loro antagonisti, hanno
sporcato, hanno buttato via un sacco di soldi (“loro” e altrui),
ma soprattutto hanno pensato di insultare l’intelligenza degli
elettori, convinti nella loro pochezza mentale che se se si vedono
solo manifesti della LEGA, una persona normale possa votare solo
LEGA.

Ci
aspettiamo qualche presa di posizione anche da chi sostiene il loro
Candidato presidente.

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 19 Maggio 2007
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.