Penati: “Nuova legge elettorale o referendum”

Il presidente della Provincia di Milano: “Bisogna rispettare i diritti degli 800 mila cittadini che hanno firmato per il referendum”

“Se non si farà una nuova legge elettorale, almeno non si impedisca ai cittadini di esprimersi attraverso il referendum.”

Queste le parole del presidente della Provincia di Milano, Filippo Penati, componente del Comitato Promotore dei Referendum Elettorali, in merito alla riforma della legge elettorale.

“Esiste  nell’intero Paese un assoluto bisogno di stabilità e questa la si può attuare solo attraverso la modifica della legge elettorale. Se il parlamento non riuscisse a farlo, bisogna rispettare i diritti degli 800 mila cittadini che hanno firmato per il referendum, bisogna realizzare il bisogno di cambiamento dell’intero Paese”.

“Il referendum si potrebbe tenere tra  marzo e aprile, e le elezioni anticipate tra maggio e giugno. In caso di esito positivo del referendum, per ottenere rappresentanza parlamentare le liste devono comunque raggiungere il 4% alla Camera e l’8% al Senato. Questa sarebbe una riposta positiva alla proliferazione di partiti e liste e quindi un contributo alla stabilità del Paese”.

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 31 Gennaio 2008
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.