Ammazzò l’amico al rifugio dei disperati: 6 anni e 8 mesi

Omicidio preterintenzionale per l'algerino che nel novembre 2009, durante un litigio, accoltellò a morte un marocchino che dormiva nello stesso stabile

E’ stato condannato a 6 anni e 8 mesi di carcere Belaib Abdelaziz, algerino di 26 anni, arrestato il 13 novembre del 2009, per l’omicidio di un marocchino che come lui aveva trovato rifugio in una fabbrica dismessa in via Maspero. Il gip Giuseppe Battarino gli ha riconosciuto l’omicidio preterintenzionale, senza aggravanti, e con il rito abbreviato ha potuto contare su un sconto di un terzo della pena.
Khalid Amadah, 29 anni, fu ucciso nella notte, per un banale litigio perché si era lamentato con il coinquilino che, rimasto chiuso fuori, lo aveva svegliato. Abdelaziz fu fermato a Cavaria con Premezzo dai carabinieri. L’omicidio attirò l’attenzione sulle zone dismesse della città, dove trovano rifugio stranieri e indigenti in condizioni di grave povertà.

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 14 Febbraio 2011
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.