Gli ospedali italiani continuano a scegliere Ksb Italia, ecco perché

L’intero gruppo fa investimenti in ricerca e sviluppo pari a circa 20 milioni di euro

Sono 26 le aziende ospedaliere italiane che negli ultimi dieci anni hanno scelto l’affidabilità di KSB Italia per il trasporto delle acque e per la sterilizzazione delle sale operatorie. KSB Italia è l’eccellenza al servizio della salute degli italiani.
Ricerca, sviluppo, formazione e specializzazione. Una formula questa che se adottata è una risposta netta alla crisi. KSB Italia oggi festeggia il traguardo di 26 aziende ospedaliere nazionali che continuano a scegliere per le proprie strutture, e in particolare per le sale operatorie, i suoi sistemi di trasporto dei fluidi.
Da 10 anni KSB Italia prosegue con un inteso programma di ricerca e sperimentazione per fornire alle strutture sanitarie italiane il meglio di quanto disponibile sul mercato. La multinazionale con sede a Concorezzo è convinta della strategia di investimento in ricerca e sviluppo che l’ha resa leader nel mondo nella produzione di pompe e valvole. KSB Italia vanta un vero e proprio training center, di formazione specifica sia per i dipendenti KSB sia per i clienti, che collabora direttamente con il Politecnico di Milano e l’Università dell’Insubria.
L’intero gruppo fa investimenti in ricerca e sviluppo pari a circa 20 milioni di euro. Non a caso quest’anno l’azienda ha ricevuto dallo studio Frost & Sullivan per la pompa Mega CPK,che migliora del 12% l’efficienza energetica rispetto ai prodotti concorrenti, il riconoscimento “Global Centrifugal Pumps Innovation Award”. La pompa Mega CPK, sintesi di due prodotti di punta del gruppo KSB, presenta un’idraulica che garantisce alti rendimenti e bassi consumi energetici, proponendo al mercato una nuova era di pompe per il settore della chimica. Altro fiore all’occhiello della gamma KSB Italia è senza dubbio il motore KSB SuPremE®, che con controllo della velocità agisce come una dieta di energia: il già notevole guadagno di efficienza del 60%, dovuto alla regolazione di velocità, è ulteriormente incrementato di un risparmio energetico fino al 30%, che deriva dal solo motore.
Non solo, le ore dedicate alla formazione in azienda arrivano a 315 ore per lavoratore per un totale di 2008 ore di formazione tecnico/specifica nell’intera azienda. Un investimento che ha un ritorno immediato nella qualità dei prodotti e dei servizi offerti.
Da Bari a Bolzano, passando per Milano, Roma e Genova. Negli ultimi dieci anni, quindi, sono ben 26 gli ospedali nazionali che KSB Italia, multinazionale con sede a Concorezzo (MB) leader nel trasporto e nella vendita di pompe e valvole per il trasporto di fluidi, continua a servire per i propri sistemi di acqua calda per riscaldamento, acqua gelida, acqua per le torri di raffreddamento, acqua destinato ad un uso industriale, vapore e condensa tecnologici, gas naturale, gasolio, vapore e condensa sterile.
Le strutture sanitarie si affidano ai prodotti altamente tecnologici di KSB Italia, prodotti in grado di soddisfare esigenze in contesti sensibili quali, ad esempio, le sterilizzazioni delle sale chirurgiche e degli strumenti operatori. In questo specifico segmento l’azienda ha sviluppato un programma di vendita composto da apparecchiature che prevedono come parti a contatto con il fluido acciai inossidabili e plastomeri inerti, per soddisfare queste particolari esigenze.
Solo negli ultimi due anni KSB Italia ha contribuito con pompe e valvole ai rifacimenti o alle ristrutturazioni dell’ospedale di Udine, ospedale Niguarda di Milano, ospedale di Bolzano, ospedale di Cuggiono, ospedale S. Orsola di Bologna, ospedale Bambin Gesù di Roma, ospedale di Lucca, ospedali Riuniti di Brescia, ospedale di Pistoia e Policlinico di Bari.

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 28 Gennaio 2013
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.