Scuole materne paritarie sotto la lente della “commissione asili”

Diffuso un comunicato da parte della commissione: dopo la raccolta firme alla Saporiti, Rita Macchi verso la riconferma come presidente; Abbiate verso le fasce di reddito

Scuole materne sotto la lente dell’amministrazione comunale. Nei giorni scorsi si è svolta la commissione asili della città, per valutare la situazione in cui si trovano le strutture delle paritarie Saporiti di Tradate e della Fondazione di Abbiate Guazzone. Dopo l’incontro in commissione, è stato diffuso un comunicato stampa, firmato da Andrea Botta (assessore servizi scolastici), Rita Macchi (presidente Saporiti), Paolo De Benedetto (presidente Asilo Abbiate), Anna Guaita (rappresentante maggioranza), Erika Martegani (rappresentante minoranza).

 

«Per quanto riguarda la Saporiti – si legge nel comunicato – è necessario regolarizzare al più presto la posizione del presidente Rita Macchi, il cui mandato è scaduto nel 2010 e da oltre due anni lavora in regime di “proroga”». Per questa situazione è stata infatti raccolta una petizione firmata da numerosi genitori per far rimanere al proprio posto la Macchi. «L’Amministrazione si è detta pronta a riconfermare Rita Macchi come proprio rappresentante, al fine di continuare il mandato attuale con piena legittimazione – prosegue Botta -. Si è anche parlato, oltre che dell’immediato, anche del futuro: la Presidente Macchi, infatti, ha sottolineato l’opportunità di individuare una persona che abbia disponibilità di tempo, voglia di imparare la gestione di un asilo e che possa, nel prossimo mandato, rappresentare all’interno del CdA un possibile suo sostituto alla presidenza dell’asilo. Dopo 20 anni di apprezzato servizio Rita Macchi ritiene utile per l’asilo l’inserimento di una persona nuova che possa “portare nuovo stile nell’amministrazione della scuola”».

La struttura dovrà ora affrontare anche un periodo difficile anche dal punto di vista delle spese «con 50mila euro necessari per il completamento degli interventi di manutenzione straordinaria dell’immobile».

 

Sotto la lente anche l’asilo di Abbiate, con l’intervento del Presidente Paolo De Benedetto. L’assessore Botta spiega che «come richiesto dell’Amministrazione, il presidente ha confermato che una volta chiuso il bilancio 2012 sarà possibile quantificare l’entità delle riduzioni alle rette che verranno inserite a seconda delle fasce di reddito. È da dire che, per casi particolari, l’asilo pratica già sconti per venire incontro a famiglie in difficoltà. Tuttavia vi è l’importanza di regolamentare queste riduzioni affinché le famiglie non siano costrette a “chiedere” un qualcosa che, invece, potrebbe rappresentare un diritto previsto in regolamento. Su questo punto c’e’ stata piena intesa e disponibilità a collaborare tra amministrazione Comunale e rappresentanti dell’asilo. L’asilo di Abbiate invita da subito i genitori a fornire il proprio ISEE al fine di poter quantificare in modo più preciso come si comporranno quantitativamente le eventuali future fasce di reddito».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 11 marzo 2013
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore