A fine settembre prima edizione della Festa dell’Agricoltore

Dal 27 al 29 settembre a Villa Inzoli, tre giorni dedicati al mondo agricolo per promuovere e valorizzare il rapporto tra città e campagna

«Una festa dedicata al mondo agricolo per promuovere e valorizzare il rapporto tra città e campagna». Con queste parole è stata presentata in Municipio la prima edizione della Festa dell’agricoltore, in programma a Villa Inzoli a Tradate dal 27 al 29 settembre, con il primo giorno che sarà interamente dedicato alle scuole della città. 
Si tratta di una festa che vedrà moltissime inizitive, organizzate dall’associazione Pan De Mej di Tradate e dal Parco Di Villa Inzoli, sostenuti dall’amministrazione comunale con il patrocinio della Provincia di Varese. Vi collaborano diverse associazioni, ma soprattutto danno il proprio contributo oltre 40 aziende agricole della zona, che saranno presenti con stand ed esposizioni di animali. «Stiamo lavorando sulle biodiversità – ha spiegato Francesco Lovo dell’omonima azienda e dell’associaizone Pan de Mej -. Faremo vedere come si lavora il formaggio, il salame e molte altre produzioni agricole. Ci saranno espositori, bancarelle, mentre gli allevatori porteranno i loro prodotti. Porteremo gli animali delle nostre zone, autoctoni e allevati nella nostra zona. Ce ne saranno di tutti i generi».

Alla presentazione c’era anche il sindaco Laura Cavalotti che non ha mancato di esprimere il proprio plauso all’iniziaitva: «È una manifestazione meritoria di attenzione, sopratuttto per lo scopo didattico coi bambini e di valorizzazione del nostro territorio. Una iniziativa che punta a esprimere e far conoscere la vocazione agricola del Tradatese e del Seprio».  
Si tratta quindi di un fine settimana da vivere all’aria aperta con tutta la famiglia all’insegna del cibo buono e sano, della cultura contadina e del rispetto per l’ambiente. «La Festa Dell’agrcoltore nasce con l’intento di riallacciare il rapporto tra città e campagna promuovendo e valorizzando l’agricoltura non solo quale elemento di definizione dell’identità culturale di un territorio ma soprattutto quale leva strategica per lo sviluppo economico – proseguono gli organizzatori -. Durante la manifestazione saranno presenti quattro categorie di espositori: agricoltori che esporranno e venderanno i propri prodotti, agricoltori che somministreranno direttamente i propri prodotti al pubblico, allevatori di bestiame ed espositori di macchine agricole».

La Festa Dell’agricoltore sarà anche un evento per le famiglie grazie alle molteplici iniziative in programma per grandi e piccini, sempre afferenti al mondo dell’agricoltura e della tradizione. In particolare, saranno organizzati momenti dedicati alla riscoperta del piacere degli antichi mestieri. Ecco allora che al Parco Villa Inzoli si potranno trovare panettieri intenti a cuocere il pane, formaggiai, salumieri ma anche falegnami e impagliatori oppure abili artigiani che conciano la lana. Nel mondo degli agricoltori, poi, non potevano mancare gli animali della fattoria. Durante tutto il fine settimana alla Festa dell’Agricoltura si potrà assistere alla tosatura delle pecore, a esibizioni di sheep dog, a lezioni di coniglicoltura e dimostrazioni equestri. Per i bambini sono in programma laboratori didattici e baby dance. Al banco gastronomico ci sarà la sagra della polenta e le serate saranno animate da buona musica. Venerdì sera Radio Village Network, media partner della manifestazione, trasmetterà in diretta e farà ballare i più giovani. Sabato e domenica, invece, si terranno concerti con musica dal vivo.

La mattina di venerdì 26 settembre prenderà ufficialmente il via il progetto rivolto alle scuole “Agricoltura a Km0 Villa Inzoli” ideato dall’associazione Pan de Mej, in collaborazione con l’amministrazione comunale di Tradate. Grazie anche al contributo dell’Istituto Comprensivo Statale Galileo Galilei di Tradate, l’intera mattinata del 26 sarà dedicata esclusivamente alle scuole primarie. Lo scopo del progetto è far acquistare ai bambini una maggiore consapevolezza sull’alimentazione, l’agricoltura e il territorio valorizzando il consumo dei prodotti stagionali e recuperando, così, il legame con il ciclo della natura e con la produzione agricola. I giovani alunni saranno chiamati a partecipare a laboratori in cui faranno il pane e i formaggi, scopriranno gli antichi mestieri e conosceranno da vicino gli animali della fattoria.

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 12 Settembre 2014
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.