A scuola “nelle ghiacciaie”

I ragazzi delle scuole medie dei Salesiani di Varese in visita per il paese con il sindaco, i pescatori e i docenti dell'Insubria. Un tuffo nel passato con un piede nel futuro

Si chiama “didattica lacustre” si traduce: avvicinare le nuove generazioni all’amore per il territorio e il lago. I risultati si vedranno nel tempo, quando i ragazzi come quelli della scuola media dei Salesiani di Varese che ieri sono andati a visitare Cazzago Brabbia, da adulti ricorderanno di aver parlato con i pescatori che sul lago ci hanno passato la vita. Di aver visitato le ghiacciaie e di aver toccato con mano la gigantesca rete in esse custodite.

Galleria fotografica

Giovani pensatori in visita a Cazzago Brabbia 4 di 9

Ricordi, o esperienze, che sedimentano e danno buoni frutti. Ne sono convinti soprattutto gli autori del progetto di didattica lacustre, ovvero  il Centro Internazionale Insubrico “Carlo Cattaneo” e “Giulio Preti”.

Ma la didattica lacustre altro non è che una parte della rassegna Giovani Pensatori , voluta e curata dal professor Fabio Minazzi e se in genere si parla di filosofia e pensiero filosofico, in questo caso si è trattato di riportare i ragazzi un po’ alle loro origini.

Gli studenti hanno incontrato il sindaco di Cazzago Brabbia Emilio Magni che ha fatto loro da guida insieme a Veronica Ponzellini, cazzaghese doc e docente del centro internazionale Insubrico, e i pescatori.

I ragazzi si sono soffermati sul progetto legato alla fitodepurazione e allo sfruttamento della cannetta lacustre, argomento che stanno studiando a scuola. Un piede nel passato e l’altro nel futuro. Sotto lo sguardo dell’airone cenerino.

di
Pubblicato il 23 marzo 2016
Leggi i commenti

Galleria fotografica

Giovani pensatori in visita a Cazzago Brabbia 4 di 9

Video

A scuola “nelle ghiacciaie” 1 di 1

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore