Sala indagato su Expo si autosospende

Il nome del sindaco di Milano emergerebbe nelle indagini sul cosiddetto "piastrone dei servizi" dell'Esposizione

Giuseppe Sala Beppe

Il sindaco di Milano Beppe Sala ha deciso di autosospendersi dalla carica dopo avere scoperto che il suo nome è iscritto nel registro degli indagati per una inchiesta sull’Expo. Più precisamente sarebbe indagato per corruzione e turbativa d’asta sulla ‘Piastra dei Servizi’ , l’appalto più rilevante dell’Esposizione universale per i lavori di preparazione dell’area. Insieme a Sala, accusato di falso materiale, c’è anche illegale rappresentante del gruppo Pizzarotti, accusato di tentata turbativa d’asta.

«Apprendo da fonti giornalistiche che sarei iscritto nel registro degli indagati nell’ambito dell’inchiesta sulla piastra Expo – Ha commentato nella tarda serata di giovedì 15 il sindaco di Milano – Pur non avendo la benché minima idea delle ipotesi investigative, ho deciso di autosospendermi dalla carica di Sindaco, determinazione che formalizzerò domani mattina nelle mani del Prefetto di Milano».

di stefania.radman@varesenews.it
Pubblicato il 16 dicembre 2016
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore