Studenti in visita al museo partigiano

Gli studenti del quinto anno hanno incontrato anche il senatore ex-partigiano Giampietro Rossi e hanno visitato la collezione di cimeli di quel periodo

studenti ipc verri museo partigiani busto arsizio

Il 20 marzo scorso i ragazzi del quinto anno dell’Ipc Verri hanno fatto vistìita al museo partigiano Raggruppamento divisione patrioti Alfredo di Dio, ospitato all’interno della Casa del Novecento realizzata a Villa Tovaglieri. Insieme alla professoressa A. Ferrario hanno incontrato il senatore Giampietro Rossi (ex-partigiano ed ex-sindaco di Busto Arsizio) per approfondire il tema della Resistenza a Busto Arsizio.

Gli studenti sono stati accolti dal dott. Mainini che ha presentato un quadro cronologico della Resistenza in città. Poi con una comunicazione molto vivace e appassionata il partigiano Rossi ha raccontato gli episodi più significativi della lotta dei partigiani: la figura della staffetta, i lasciapassare chiamati clausola che impedivano ai tedeschi di arrestarli e fucilarli o semplicemente di sequestrare il loro mezzo di trasporto, la bicicletta, la collaborazione con la Chiesa e l’oratorio e l’impegno di tutti per organizzare la sopravvivenza nel lungo inverno del ’44. Inoltre ha mostrato il pezzo glorioso della Resistenza: la radio usata per inviare i messaggi in codice sulle montagne.

Il museo Raggruppamento Alfredo di Dio prende il nome del sottufficiale che dopo l’8 settembre per non aderire alla RSI trovò rifugio in Val d’Ossola creando una prima brigata. Al suo interno si possono osservare e studiare da vicino: i manifesti della Resistenza, le armi, uniformi, i libri degli studiosi nella biblioteca, le medaglie, i timbri per falsificare i documenti, le foto dei partigiani caduti, elmetti e reperti bellici.

In conclusione il Senatore Rossi ha chiuso il suo discorso con un messaggio per tutti e in particolare per i giovani: “Difendete la libertà per difendere la speranza che domani sarà meglio di oggi, per lasciare un mondo un po’ migliore”.

di
Pubblicato il 30 Marzo 2018
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.