Ubi raccoglie 5 milioni di euro per la ricerca sul cancro

Continua la partnership del gruppo bancario con AircI. La banca ha sostenutola ricerca sul cancro con l'emissione di tre social bond. Dal 12 novembre “I cioccolatini della Ricerca” in tutte le filiali  

cancro al seno fiocco rosa

Le iniziative promosse da Ubi Banca per sostenere AIRC (Associazione italiana ricerca sul cancro), sin dal 2013, hanno generato un contributo di oltre cinque milioni di euro destinati a finanziare progetti di ricerca oncologica. Da domenica 4 a domenica 11 novembre sono in programma “I giorni della iicerca”, durante i quali l’Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro comunicherà i risultati ottenuti nell’ambito della ricerca oncologica e raccoglierà nuove risorse. In tale contesto Ubi Banca e AIRC confermano una partnership che si è dimostrata in grado di aggregare le persone attorno all’obiettivo di rendere il cancro sempre più curabile e di sensibilizzare la popolazione sui temi della prevenzione.

UBI PER AIRC
La campagna di sensibilizzazione “Ubi per AIRC”, coinvolgerà dal 12 novembre tutte le filiali del gruppo bancario con la distribuzione dei “Cioccolatini della Ricerca”. A tutti coloro che effettueranno una donazione di almeno 10 euro sarà offerta come ringraziamento una confezione di cioccolatini.
I clienti hanno inoltre la possibilità, mediante l’app Ubi Banca, di effettuare donazioni dal proprio smartphone tramite il circuito Jiffy di SIA. UBI Banca inoltre destinerà all’Associazione specifiche erogazioni legate all’emissione e attivazione della carta Enjoy AIRC Social Edition. La banca ha sostenuto in questi anni Airc anche grazie al collocamento di tre Social Bond, nel 2013, nel 2015 e nel 2017, e alle donazioni volontarie dei dipendenti tramite trattenute in busta paga (payroll giving).

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 30 ottobre 2018
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore