Cadono calcinacci dal ponte di Cairate, i 5 Stelle: “Il Comune intervenga”

Si riaccendono i riflettori sulla storica infrastruttura dopo la segnalazione di alcuni calcinacci caduti sulla pista ciclabile che passa sotto le arcate

calcinacci ponte cairate pista ciclabile marzo 2019

La preoccupazione per il ponte di Cairate torna a salire. In primis tra i cittadini e i tantissimi frequentatori della pista ciclabile di fondo valle che, lo scorso 29 marzo, hanno documentato la caduta di calcinacci dalle arcate dello storico ponte postando alcune foto su facebook.

Così scrive un utente facebook, dopo aver postato le immagini: «Occhi aperti! Per chi passa sotto il ponte di Cairate lungo la ciclabile state attenti perché stamattina ho trovato pezzi di calcinacci abbastanza grossi e, vista l’altezza, possono fare molto male».

Le rassicurazioni arrivate dalla Provincia, che ad agosto ha anche dichiarato di voler usare parte dei 900 mila euro del Patto per la Lombardia per lavori di manutenzione straordinaria, sembrano non bastare anche perchè ad oggi non è dato sapere come e quando si interverrà.

Ponte di Cairate, i soldi per la manutenzione arriveranno dal patto per la Lombardia

Nel frattempo gli attivisti pentastellati di Cairate tornano a chiedere lumi sullo stato di salute dell’infrastruttura con un comunicato.

La caduta di calcinacci sulla pista ciclabile sottostante il ponte di Cairate mette nuovamente in allarme.
Facciamo un passo indietro.
il 27 settembre 2018, in seguito alla tragedia del ponte Morandi di Genova, come attivisti del M5S di Cairate abbiamo depositato in Comune una richiesta di documentazione sullo stato di sicurezza del nostro ponte al fine di avere elementi sufficienti per tranquillizzare i fruitori.
La nostra richiesta è reindirizzata al settore viabilità della provincia di Varese perchè la manutenzione del ponte (come precisato nella risposta pervenutaci dal Sindaco Mazzuchelli) non rientra nelle competenze del Comune.
Solo in data 25/01/2019 (ben 4 mesi dopo) l’Amministrazione ci dà finalmente un riscontro trasmettendoci le rassicurazioni della Provincia che non ha rilevato particolari condizioni di criticità del ponte di Cairate. Tuttavia, stranamente in contraddizione, chiede e ottiene l’inserimento del ponte nel finanziamento del Patto per la Lombardia per procedere alla sua manutenzione. La somma totale stanziata sembrerebbe essere di Euro 900.000 ma non conosciamo l’importo reale finalizzato al progetto del nostro Comune.
I dubbi che ci poniamo in merito alla questione, e siamo certi d’interpretare il pensiero di tanti cittadini che regolarmente non vengono informati su ciò che li riguarda direttamente, sono inevitabili considerando che un viadotto “dichiarato sicuro” viene inserito in un progetto di manutenzione di cui non conosciamo né l’entità, né le tempistiche. Come se ciò non bastasse in questi giorni apprendiamo dell’allarme lanciato da cittadini preoccupati dai calcinacci caduti dal ponte mentre il nostro Sindaco Mazzuchelli ribadisce, ancora una volta, che dovrà essere la Provincia ad occuparsene non essendo competenza del Comune.
Difficile comprendere le ragioni per le quali l’attuale Giunta locale non si attivi per dare risposte diverse da quelle solite della “non competenza”, come se il problema non riguardasse il Comune da loro amministrato.
L’informazione ai cittadini non va continuamente sollecitata ma dovrebbe essere un punto fermo nel rapporto con chi amministra sulla base della trasparenza ma anche del rispetto dell’intera comunità.
Noi, come forza politica attenta e presente sul territorio, non ci limiteremo a sollevare dei dubbi. Fino a quando le risposte delle istituzioni non saranno chiare promettiamo un costante monitoraggio su tutto ciò che riguarda il ponte di Cairate (e non solo) ed esigeremo risposte più concrete di quelle avute sino ad oggi. A riguardo stiamo già preparando un’interrogazione per avere, nero, su bianco, delucidazioni dal Sindaco e dalla sua Amministrazione.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 04 aprile 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore